Douglas Costa sempre più triste in Germania. E spuntano due 'like' ai post Juve

Douglas Costa sempre più triste in Germania. E spuntano due ‘like’ ai post Juve


L’impresa della Juventus in questi quarti di finale di Champions League ha proiettato definitivamente la squadra di Allegri nel gotha del calcio europeo e mondiale. Il fatto di dominare il Barcellona all’andata e di non subire gol in due partite contro i marziani della MSN ha fatto sì che tutti gli occhi ora si sono puntati sui bianconeri, ritenuti adesso i favoriti per la vittoria finale. E anche qualche giocatore di altre squadre inizia a strizzare l’occhio alla Vecchia Signora.

QUESTIONE DI ‘LIKE’

Ormai siamo nel mondo dei social. Tutti twittano, tutti postano, tutti ci tengono a mostrare pezzi della loro vita e condividerli con amici e estranei. E i calciatori non sono esenti da questa moda. Anche loro ormai sono pronti a mostrarsi non solo sul campo, ma anche nella loro intimità, con scene di vita vera. I calciatori, però, essendo sempre nell’occhio del ciclone della visibilità, devono stare attenti. Basta una frase fuori posto o un ‘like’ sbagliato per creare critiche, congetture e pensieri da parte di tutti. E proprio due ‘like’ di un giocatore stanno aprendo nelle ultime ore a scenari di mercato importanti.

DOUGLAS E’ TRISTE

Stiamo parlando di Douglas Costa, esterno offensivo del Bayern Monaco, che proprio ieri ha aggiunto un paio di ‘cuori’ alle foto postate dalla Juventus dopo l’impresa del Camp Nou. Un gesto normale di un tifoso prima che giocatore che fa i complimenti a una squadra avversaria. Un gesto che diventa però meno normale se si pensa alla situazione non proprio idilliaca che sta vivendo il brasiliano in Germania. Douglas Costa, infatti, sembra essere uscito dalle grazie di mister Ancelotti, e si sta pian piano deprimendo in panchina. Se poi si aggiunge che nelle ultime settimane si è sparsa la voce che proprio la Juventus avrebbe iniziato a intavolare una trattativa con il Bayern Monaco proprio per lui, allora quei due ‘like’ potrebbero diventare tutto d’un tratto degli indizi importanti.

Simone Calabrese

ULTIME NOTIZIE