Bonucci: "Grande prova di sacrificio e umiltà. Sorteggio? Le altre non vogliono noi"

Bonucci: “Grande prova di sacrificio e umiltà. Sorteggio? Le altre non vogliono noi”


Leonardo Bonucci, perno della difesa bianconera a Barcellona, ha parlato ai microfoni di Mediaset Premium dopo la qualificazione della Juventus alle semifinali di Champions League. Ecco le parole del difensore bianconero.

LE DICHIARAZIONI DI BONUCCI

“Sapevamo che loro sarebbero venuti a giocare la partita alti, senza nulla da perdere e rischiando qualcosa dietro. Siamo rimasti compatti dietro, con Mandzukic e Cuadrado che ci hanno dato una grande mano con la loro corsa. È stata un’altra grande prova di sacrificio e di umiltà.
Siamo più grandi nella consapevolezza di noi stessi: dare 3 gol al Barcellona e non subirli al ritorno è un’impresa, ma ora ci sarà da fare un altro passo per arrivare a Cardiff.bonucci porto

Lo scambio di maglia con Messi? Mi faceva piacere scambiare la maglia con il migliore o uno tra i migliori del mondo, farà parte della mia personalissima collezione.

Sorteggio? La domanda va fatta alle tre che non ci vogliono, adesso la Juventus fa paura. Una vale l’altra, ce la giocheremo sia con quelle di Madrid che con il Monaco. I Francesi sembrano, sulla carta, i più battibili, ma hanno dimostrato che non è così. Vogliamo andare a giocarci la finale a Cardiff.

Dovevamo fare meglio nelle ripartenze, abbiamo sbagliato tanto, io per primo ho regalato qualche pallone di troppo in uscita. Dovevamo fare questo, chiudere tutti gli spazi e ripartire. Era difficile giocare diversamente, perché sapevamo che loro avrebbero spinto tanto. Abbiamo sbagliato solo l’ultimo passaggio; ci sono solo applausi da fare a questa squadra, a questo gruppo, che affronta allo stesso modo le partite di Pescara, con tutto il rispetto, e Barcellona.”

ULTIME NOTIZIE