Il muro bianconero non deve cedere sul più bello