Oltraggio pubblico, Nainggolan, Rudiger e Emerson nell'occhio del ciclone

Oltraggio pubblico, Nainggolan, Rudiger e Emerson nell’occhio del ciclone


Se mi lasci ti cancello, se cambi squadra cambi amicizie e via dicendo. Questo quello preteso dai tifosi nei confronti di Rudiger, Nainggolan e Emerson Palmieri. Attaccati da ogni lato sui social, rei di essere passati al lato oscuro, tra le braccia dei brutti e cattivi.

Un like, un semplice e innocuo mi piace è servito a scatenare il putiferio tra la tifoseria giallorossa, sentitasi tradita da uno dei suoi giocatori più rappresentativi: Radja Nainggolan.

Pjanic

IL FATTO

Mercoledì sera, il post partita di Napoli-Juve è il “luogo del delitto”. I bianconeri si danno ai festeggiamenti per aver raggiunto la finale di Coppa Italia, soliti abbracci, balli e come al solito si scatta qualche foto da condividere sui vari social.

Miralem Pjanic, ex giallorosso, posta una foto che ritrae l’intera squadra nello spogliatoio fiera del risulato appena conseguito. Tra le miriadi di like saltano agli occhi quelli dei tre malcapitati che, ovviamente, vengono mal interpretati.

Il diritto di congratularsi con un amico viene visto come un pubblico oltraggio, un atto di sfida verso società e tifosi. Insulti e provocazioni scorrono, il nostro calcio è diventato una bolgia anche fuori dal campo, anche virtualmente.

Loading...