Da Croato a crociato il gioco di parole è troppo banale. Torna presto Marko

Da Croato a crociato il gioco di parole è troppo banale. Torna presto Marko


Si è chiusa l’ultima pausa per le nazionali da qui alla fine della stagione e dopo le facili e come sempre a senso unico ironie dei giorni scorsi sui rientri anticipati di alcuni giocatori bianconeri, oltre che della polemica smontata sulla situazione di Barzagli, è arrivata oggi la notizia ferale riguardante il giovane attaccante croato che tanto piace ad Allegri e ai tifosi: l’infortunio di Pjaca è grave, molto grave, e interessa non solo il crociato ma anche il collaterale e il menisco. Operazione in vista, stagione finita e tempi di recupero sicuramente lunghi.

QUANDO LA SFORTUNA CI VEDE TROPPO BENE

Davvero una stagione difficilissima quella del croato. Arrivato a Torino dietro pagamento di un cartellino piuttosto oneroso in funzione della giovane età ha da subito incantato tutti in allenamento, in primis il Mister, ed è presto diventato idolo dei tifosi pur giocando poco, dando dimostrazione davvero di grandi potenzialità in ottica di uno sgrezzamento che Allegri sta portando avanti con maestria, così come già fatto con giocatori del calibro di Morata e Dybala. Certo il gol di Oporto ha fatto schizzare le sue quotazioni nel gradimento dei tifosi, e adesso che piano piano grazie anche al nuovo modulo e all’assenza di molte altre soluzioni stava trovando più continuità, questo secondo gravissimo infortunio proprio non ci voleva. I minuti stavano progressivamente aumentando nelle varie competizioni, l’atteggiamento del ragazzo migliorava di partita in partita. Ma ci sono stagioni maledette e questa per Pjaca sembra davvero esserlo. Dopo il brutto infortunio con la frattura non individuata nella prima parte di stagione, che costò anche un mezzo litigio tra Società e staff del giocatore, questa volta la cosa sembra ancora più grave. Queste situazioni purtroppo nel calcio sono abbastanza frequenti. Senza andare troppo indietro nel tempo, chiedere a Perin o a Florenzi cosa significhi rientrare da mesi di sofferenza e durissimo lavoro per tornare a giocare e vedersi ricatapultati in men che non si dica nello stesso incubo, se non appunto peggiore come in questo caso.

NAZIONALI SI’, NAZIONALI NO

Ovviamente come sempre succede in queste situazioni si apre il dibattito sull’utilizzo dei giocatori nelle partite delle Nazionali, che sono ovviamente sempre più esposti a rischi di infortuni. Il fastidio in un certo senso aumenta considerando che quella con l’Estonia era una partita amichevole, per cui nella testa di molti in un certo senso “inutile”. Ma come lo si spiega a un ragazzo di poco più di 20 anni che è meglio se non gioca una partita con la sua nazionale per preservarsi per il club? A quell’età, e non solo per fortuna, la voglia di rappresentare il proprio Paese è enorme come è giusto che sia. Aggiungiamoci la voglia di giocare che Pjaca sicuramente ha accumulato con le tante panchine stagionali: poter essere titolare della Croazia deve essere stato almeno mentalmente un toccasana per lui. E ci accodiamo al pensiero, al di là del risarcimento che adesso pare arriverà dalla Federazione croata come prevede il uovo regolamento in caso di infortunio in un incontro con la nazionale. Marko voleva rappresentare il suo Paese, aveva tutti i diritti per farlo. E quindi non possiamo che unirci ai tanti tifosi che gli hanno già scritto in questi giorni e augurargli che la cosa si risolva al meglio e il più in fretta possibile, per rivederlo presto in campo con tutto il suo bagaglio tecnico a dribblare, saltare l’uomo, crossare e perché no, magari anche segnare un po’ di più, che forse è la pecca maggiore evidenziata in questi mesi primi bianconeri. Chissà che questo nuovo e bruttissimo incidente di percorso non si riveli un domani una pietra d’angolo nella crescita definitiva da ragazzo a uomo.

Il croato si è rotto il crociato. Titolo troppo banale e scontato su cui qualcuno ha anche fatto dell’ironia. Col senno di poi, sarebbe stato meglio farne rientrare uno in più. Ne erano rientrati sei, del resto il Napoli ne aveva fatti rientrare sette. Ma lui giustamente voleva giocare. Torna presto Marko!

Dario Ghiringhelli (@Dario_Ghiro)

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl