Di Natale e la professionalità dello scansarsi: "Io contro il Napoli? Era meglio evitare"

Di Natale e la professionalità dello scansarsi: “Io contro il Napoli? Era meglio evitare”


Antonio Di Natale, in arte “Totò”, ha scritto pagine indelebili della nostra Serie A. Divenuto praticamente bandiera dell’Udinese, ha deciso di appendere gli scarpini al chiodo lo scorso anno, lasciandoci  così orfani di un bomber unico. Dopo 209 gol in 445 presenze e una media di 0,47 gol a partita, l’ex attaccante ha oggi rilasciato alcune dichiarazioni su una sua insolita abilità: quella di “scansarsi”.

MEGLIO EVITARE

Sì, perché oltre al gol facile Totò aveva anche una curiosa particolarità: quella di evitare il Napoli. Nato proprio a Napoli nel 1977, Di Natale è da sempre stato un grande tifoso partenopeo. Questo è uno dei motivi per cui non ha mai giocato con la maglia azzurra, ma anche uno dei motivi che lo ha portato a “scansarla” da avversario. Lo ha spiegato oggi in un’intervista a Radio CRC.

“Fare gol a Napoli era come segnare a mio fratello ed è per questo era meglio evitare”. Ecco svelato il perché della vera e propria “tradizione” del bomber napoletano, che ha preso il largo precisamente il 17 aprile 2011, in un Napoli-Udinese finito 1-2. Il giocatore salterà quella partita per una “contusione ossea”, giocandole poi tutte fino alla fine della stagione. Da quel momento avrà inizio il suo “assenteismo azzurro”, in particolar modo al San Paolo. Dalla stagione 2007/2008, Napoli e Udinese si sono scontrate ben 9 volte fino al 2015/2016, con Di Natale in campo soltanto in 4 occasioni. Dal 2011/2012 fino al 02/04/2016, in 6 partite ci sarà una sola presenza per lui, con la gara del 03/04/2016 al Friuli che verrà anch’essa saltata.

PROFESSIONALE, MA NON TROPPO

“Perché non ho giocato nel Napoli? Sono napoletano e amo Napoli – ha aggiunto Di Natale – ma quella maglia per me era troppo pesante e avevo paura di non fare ciò che invece ho fatto, ma sono un grande tifoso del Napoli”. Se questo è un motivo comprensibile per rinunciare a un’opportunità lavorativa unica, è inaccettabile il comportamento adottato all’Udinese. Un comportamento, quello che l’ha portato a “scansarsi” contro la sua squadra del cuore, che certamente non avrà fatto piacere ai tifosi friulani. Ma non dovrebbe far piacere ai tifosi e agli sportivi in generale, visto la poca professionalità che ne consegue.

Un comportamento non tollerabile per chi è amante dello sport e in particolare del calcio. Non si tratta di un semplice “aver rispetto della squadra per cui si milita”, ma anche di aver rispetto per le altre concorrenti al gioco. Perché l’atteggiamento dello “scansarsi”, soprattutto ultimamente, ha fatto molto discutere nel nostro paese.

IL “TOTO'” JUVENTINO

Tante sono state le critiche mosse alle squadre cosiddette “piccole” e per il loro presunto atteggiamento remissivo nei confronti della Juventus. Ecco, e adesso immaginiamoci una confessione del genere, fatta magari da un Di Natale amante della Vecchia Signora. Quali sarebbero stati i risultati? L’atteggiamento di un singolo avrebbe potuto benissimo far immaginare una sua estensione a livello collettivo. In tal modo si sarebbe data corda al pensiero comune: “contro la Juve si scansano”. Le polemiche e i titoloni di giornale in merito sarebbero stata una normalissima prassi, col polverone pronto ad estendersi a dismisura. Essendo però stato “Toto'” Di Natale ad ammettere una cosa del genere, non sembra il caso di farne un dramma.

Perché ha sempre giocato nell’Udinese, e perché contro il Napoli sicuramente non ci si può scansare. Un altro tassello del puzzle di ipocrisia e di “corsa a quel che conviene” del nostro paese, il quale non darà per niente conto all’atteggiamento dell’ex 10 bianconero. Un atteggiamento che non solo ha cambiato l’andazzo delle gare (che avrebbero potuto portare a risultati diversi, a maggior ragione date le grandi doti dell’attaccante napoletano), ma ha anche svalutato il rapporto di fiducia tra un giocatore e la sua tifoseria. Una tifoseria che ha subito un deficit volontario in campo da uno dei membri più rappresentativi della propria squadra. Anzi, forse il più rappresentativo dell’Udinese degli ultimi anni.

Se Di Natale fosse stato juventino, ora probabilmente si griderebbe allo scandalo. Fortunatamente il bomber partenopeo ha avuto una gloriosa carriera all’Udinese, allietando gli amanti del calcio con i suoi gol e le sue giocate. Giocate di cui tutti dovremmo essere grati, ma che forse sarebbero state giuste anche contro la sua squadra del cuore. Ma nello “scansarsi generale”, uno in più o uno in meno, in fondo, cosa cambia?

*Virgolettato trascritto dal Corriere dello Sport

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl