Allegri-Juve al capolinea: ecco il toto-nomi per il suo successore

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

È da settimane che si parla del futuro di Massimiliano Allegri sulla panchina della Juventus. Il tecnico livornese continua a dire di trovarsi bene a Torino, di essere in sintonia con la società e con la squadra – nonostante il caso Bonucci, comunque risolto, come confermato anche dal giocatore – e augurarsi una lunga carriera alla guida della Vecchia Signora.

Ciò nonostante, non mancano le voci contrarie alle dichiarazioni di Allegri, voci che vedrebbero l’attuale allenatore bianconero più vicino all’approdo in Premier League, anziché confermato a Torino, con destinazione Arsenal, raccogliendo, dunque, un’eventuale eredità di Wenger. Anche se, nelle ultime ore, con l’annuncio di Luis Enrique sull’addio al Barça al termine della stagione, qualcuno ha accostato Allegri anche alla panchina dei blaugrana.

CHI SOSTITUIRA’ ALLEGRI ALLA JUVE?

Il toto-nomi sul prossimo tecnico della Juventus è partito: in pole position c’è sicuramente l’attuale tecnico dell’Atletico Madrid, Diego Simeone, che farebbe sicuramente molta gola ai dirigenti bianconeri; a seguire c’è Luciano Spalletti, che più volte si è definito un professionista, lasciando intendere di poter accettare qualsiasi incarico al di là dei colori che andrebbe a rappresentare; qualche voce, inizialmente, è girata voce intorno anche a Paulo Sousa, anche se i recenti risultati poco positivi ottenuti con la Fiorentina avranno sicuramente condizionato le strategie societarie.

E SE IL SUCCESSORE DI ALLEGRI FOSSE KLOPP?

AllegriStando a quanto riportato da Calciomercato.it, Jurgen Klopp è da un po’ di tempo sotto la luce dei riflettori in Inghilterra: soltando due vittorie in otto partite, di cui una contro il Leicester, l’ex squadra di Ranieri – ormai – a pochi punti dalla zona salvezza. Se il tecnico del Liverpool non dovesse cambiare rotta per quanto riguarda i risultati da qui in avanti, sarebbe sicuramente più a rischio esonero e a quel punto la società bianconera non potrà certamente ignorare l’opportunità, magari anche solo per sondare il terreno.