Juve: la legge del 2-0. Dal paragone Manciniano alla versione 2.0