Hector Herrera attacca Lichtsteiner: "Guardate il mio piede dopo il suo fallo"

Hector Herrera attacca Lichtsteiner: “Guardate il mio piede dopo il suo fallo”


La Juventus esce vincente da Oporto con un risultato che le da molte chances di approdare ai Quarti di finale di questa edizione della Champions League. Una partita maschia, che ha visto molti falli duri e, soprattutto, l’espulsione in meno di un minuto dell’ex Inter Alex Telles, reo di due brutte entrate prima su Cuadrado e poi su Lichtsteiner. A lamentarsi dell’aggressività negli interventi, però, più che i giocatori bianconeri ci ha pensato Hector Herrera il quale, a fine partita, ha postato una foto del suo piede.

COLPA DI LICHT

Hector Herrera ha mostrato un’immagine del suo piede sinistro che fa molta impressione: gonfio, rosso, con due solchi che lo attraversano e che costeranno al centrocampista dei Dragoes ben 17 punti di sutura. Subito i media portoghesi hanno ripostato la foto, attaccando in modo particolare Stephan Lichtsteiner, l’autore dell’intervento che è costato tanto dolore al giocatore messicano. Il fatto risale al minuto 50, quando il treno svizzero, nel tentativo di calciare in porta, ha preso completamente il piede sinistro di Hector Herrera. Tanto dolore, ammonizione per Lichtsteiner e scuse immediate del giocatore della Juve. Herrera ha continuato a giocare e, forse, a fine match è rimasto impressionato anche lui alla vista del suo infortunio.

NUOVE POLEMICHE

Ovviamente, in Portogallo ora contrattaccano accusando l’arbitro di essere stato troppo morbido con Lichtsteiner, cosa che non è avvenuta nei confronti Alex Telles. Onestamente, però, i due casi sono diversi: i falli di Telles sono netti, duri, ingenui, mentre quello di Lichtesteiner pare essere uno scontro quasi fortuito, in quanto lo svizzero voleva nettamente calciare il pallone. L’intervento è stato duro, è vero, ma la dinamica sembra scagionare il giocatore bianconero.

Alla fine della fiera, dunque, sono cose che capitano. Certo, le immagini sono forti, ma bisogna guardare anche la volontarietà dell’intervento e, onestamente, non troviamo cattiveria nel fallo di Lichtsteiner su Herrera.

Simone Calabrese

 

ULTIME NOTIZIE