Il tempio del Dragão e i suoi infernali custodi

Il tempio del Dragão e i suoi infernali custodi


Ci siamo, manca davvero poco ormai alla grande sfida tra Porto e Juventus valevole per gli ottavi di finale di Champions League. Vi raccontiamo la storia dello stadio che ci ospiterà e dei tifosi portoghesi.

LA STORIA DELLO STADIO

L’Estádio do Dragão è il più grande stadio della città di Porto: ha una capienza di oltre 52000 spettatori ed è stato costruito in modo tale che davvero tutti possano godere dello spettacolo dei match.

Considerato tempio calcistico del Porto, include anche il museo del club, centri commerciali, sale congressi e ristoranti.

Le curve sono sempre piene e colorate, un autentico gioiellino del settore per sostituire il vecchio Estádio das Antas. Inaugurato nel novembre 2003, in vista del campionato europeo di calcio Euro 2004: qui si disputò la partita di apertura tra Portogallo e Grecia.

Fu considerata l’ipotesi di intitolare l’impianto al presidente del Porto, ma egli rifiutò la proposta, dando allo stadio il nome attuale.

LA TIFOSERIA AZUIS E  BRANCOS

I tifosi e i giocatori del Porto sono spesso soprannominati dragões (draghi), anche se è diffuso il nomignolo Andrades, dopo che una famiglia con questo cognome sponsorizzò il club per alcuni anni. 

I Super Dragões sono il principale gruppo di tifosi a sostegno della squadra portoghese, istituito nel 1986: è composto da alcuni membri della ormai defunta tifoseria Dragões Azuis (Draghi blu), non d’accordo con la politica precedente del gruppo.

Leggi anche: L’analisi del Porto

Situata nella curva sud, sia nel vecchio Estádio das Antas che in quello attuale, i Dragões sono noti per il loro sostegno infernale.

Il Colectivo Ultras 95 è un altro gruppo organizzato di tifosi. Il Colectivo Ultras 95 creato nel 1995, come dice il nome, al tempo era conosciuto come il Collettivo Curva Nord.

La sua creazione è avvenuta grazie ad un gruppo di tifosi, scontenti della gestione del gruppo, che facevano parte dei Super Dragões. Così, anche loro si sono riuniti e nei giorni delle partite si sono posizionati nel lato opposto da sempre occupato dai Super Dragões.