Porto-Juve, l'analisi tattica: possesso, lampi e le intuizioni di Allegri