Mandragora torna in campo. Domani agli ordini di Fabio Grosso

Mandragora torna in campo. Domani agli ordini di Fabio Grosso


Rolando Mandragora vede la luce in fondo al tunnel. Dopo 285 giorni, il centrocampista classe ’97 è pronto a tornare in campo e lo farà domani, a Reggio Emilia, in occasione di Sassuolo-Juventus, big match di giornata del Girone B del campionato Primavera. Il calvario iniziato in Virtus Entella-Pescara, quindi, sembra essere arrivato alla fine. Dopo un gennaio in cui tutti l’hanno voluto, ma la Juve ha scelto di tenerlo, arriva il momento di riprendere quella corsa interrotta troppo bruscamente. E si riprende in maglia bianconera. Anche se solo con quella della Primavera.

IN CAMPO

Mandragora, probabilmente, giocherà come vertice basso del centrocampo a tre. Muratore e Caligara ai suoi lati, per supportarlo e approfittare del suo talento. Sarà l’occasione ideale per rivedere le qualità che hanno spinto la Juve a puntare su di lui, per riprendere confidenza con palla, campo e clima partita. Oltre a lui, ci sarà anche Mattiello. D’altronde, il Sassuolo potrà contare su un certo Scamacca, probabilmente l’attaccante classe ’99 nostrano più interessante. Mandragora, però, ruberà la scena a tutti. Perché il suo rientro era atteso da tanto, troppo tempo.

LE SCELTE DI GROSSO

A proposito di campo, Mandragora cattura l’attenzione, ma per la Juve sarà una gara importante. C’è da dimenticare la delusione contro l’Ajax, e da vincere un autentico big match. Il centrocampo l’abbiamo già disegnato, il resto del 4-3-3 non dovrebbe riservare grosse sorprese. Clemenza, Kean e Leris nel tridente offensivo, Del Favero tra i pali e Semprini, Vogliacco, Andersson e Mattiello in difesa, da destra a sinistra. Per centrare la nona vittoria consecutiva.

Edoardo Siddi

ULTIME NOTIZIE