Olá Hernanes, professionista di ripiego per la Juventus

Olá Hernanes, professionista di ripiego per la Juventus


Hernanes ha salutato la Juventus, anche per lui il futuro sarà cinese. Con la cessione all’Hebei China Fortune, i bianconeri hanno congedato un’altra pedina che, in realtà, nello scacchiere juventino ormai c’entrava poco o nulla.

Ricorda un po’ la vicenda Evra, quella del buon Profeta. Due calciatori, due professionisti esemplari, giunti però da un pezzo al termine del loro percorso a Torino. Evra ha portato esperienza da vendere al gruppo, dopo i gloriosi anni trascorsi a Manchester. Hernanes si è invece presentato come acquisto perfezionato sul gong per completare la rosa, restando a disposizione di mister Allegri per coprire eventuali buchi, tappare qualche falla.

HERNANES NON DA JUVE

Hernanes-fotoPerchè in fin dei conti è stato questo il tracciato di Hernanes in bianconero, senza volere essere cattivi, ma neanche ipocriti buonisti dell’ultima ora. L’ex Inter e Lazio non era un giocatore da Juve, in grado di spostare equilibri, di orchestrare con velocità e disinvoltura la manovra, di prendere per mano una squadra così ben oliata nei suoi meccanismi.

Il compito non si presentava certo fra i più facili, ma imporsi subito è un pass necessario per ottenere la continuità nelle scelte operate dal tecnico. E allora, se non sei un talento spaziale come Paul Pogba, e nemmeno un veterano docente calcistico come Andrea Pirlo, impegnarsi al 100% ed essere umili a volte può anche non bastare. Non alla Juventus.

SOLO EMERGENZE, O QUASI

Hernanes è riuscito a convincere, più che ad incidere, ben poche volte. Pochissime. Lento nell’impostazione da regista, troppo semplice e scolastico al momento dell’ultimo passaggio nel ruolo di trequartista, ha comunque migliorato la fase di interdizione davanti alla difesa col passare dei mesi. Fattore che tuttavia non è bastato per concedergli chances in partite che contavano davvero, a meno di emergenze naturalmente.

TALENTO DISCONTINUO

Di lui rimarrà comunque un piacevole ricordo a Vinovo, perchè ad ogni modo mettersi in discussione a trent’anni non è facile per nessuno, specialmente se ci provi alla Juventus. Un talento niente male il suo, sfiorito però nel corso degli anni, che ha alternato momenti esaltanti a lunghe pause. Hernanes lascia con 35 presenze suddivise fra campionato, Coppa Italia e Champions League, condite da due gol: contro il Carpi nella scorsa stagione e contro il Pescara lo scorso novembre. In bocca al lupo, Profeta.

Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)