Juve-Evra, il momento della cessione era già maturo da un pezzo

Juve-Evra, il momento della cessione era già maturo da un pezzo


La Juventus saluta un grande campione come Patrice Evra, tornato in Francia per accasarsi all’Olympique Marsiglia.

A dare l’addio è un professionista serio, un grande giocatore capace di vincere tutto ciò che conta: Champions League, Premier League, Mondiale per Club, Scudetti e le coppe nazionali di Inghilterra, Francia e Italia. Una carriera rosea, che in tanti sognano di costruire ma che in pochissimi riescono a realizzare. La Juventus perde un pezzo dunque, che però è stato giusto lasciare andar via.

Foto LaPresse

Ci sono state rose rosse e fiori variopinti per Evra nel suo percorso in bianconero. Il francese è stato un po’ mamma-chioccia nonché punto di riferimento per i giovani, ma anche di sorrisi scaturiti dalle social-gag (negli ultimi mesi era diventato una vera e propria star). E’ stato tutto questo Evra, certo, ma non solo. La sua avventura a Torino lo ha posto davanti ad episodi severi, anche sportivamente tragici, che più volte hanno messo a repentaglio simpatia e considerazione nutrite dal popolo bianconero nei suoi confronti.

L’ERRORE DI MONACO

Innanzitutto quel mancato rinvio al 91′ dell’Allianz Arena, datato 16 marzo 2016. Da lì una sorte crudele (ma senz’altro stuzzicata) sentenzia il cross del compagno di nazionale ed ex bianconero Coman per la zuccata vincente di Muller che vale la rete dei deleteri supplementari. Si può sbagliare, è certo, ma se l’errore commesso da un giocatore dello spessore e dell’esperienza di Evra in pieno recupero costa il prosieguo nella competizione più importante, allora echeggia come un urlo straziato e straziante. Sarebbe bastato spazzare via il pallone come nei campetti di terra battuta a firma del peggior rude “spazzatore”, anziché improvvisare un disimpegno improbabile in zona rossa. Si sarebbe trattato di una giocata tutt’altro che spettacolare, si, ma sicuramente più efficace e necessaria. E poi chissà cosa sarebbe stato…

L’INADEGUATEZZA DI DOHA

23 dicembre 2016, Doha. Ancora una volta in ballo c’è un trofeo, e stavolta è finale secca. Evra non parte titolare, ma Allegri necessita del suo contributo a causa del forfait dell’ottimo Alex Sandro a gara in corso. Dal suo ingresso però la fascia sinistra crolla, e diviene terra di conquista per Suso, che sebbene sia dotato di buona tecnica e di un’ottima accelerazione, per l’occasione appare un ciclone: una forza della natura inarrestabile che mette in mezzo un pallone d’oro per il gol del pareggio di Bonaventura. Per il resto la prestazione del francese si allineerà a quella sciorinata dal resto dei compagni, che nel complesso risulterà insufficiente.

SOTTO GIRI

E allora diciamolo, le strade di Evra e della Juventus si erano già separate da un pezzo. Per restare uniti in matrimonio infatti non bastano le dichiarazioni d’amore (ben vengano naturalmente) e l’attaccamento ai colori. Occorre trasferire ciò sul campo da gioco tutte le volte, e alla Juve, come un motore dove ogni giorno gli ingranaggi e i meccanismi devono girare al massimo, nessuno può permettersi di calare ritmi e tensioni. Neanche i campioni o i grandi professionisti.

GIUSTO SEPARASI

Se alle due partite decisive per le sorti di due competizioni importanti fallite ci aggiungiamo un girone d’andata dell’attuale campionato giocato su ritmi appena sufficienti, allora il quadro risulta completo e porta di conseguenza alla cessione. Mai una sovrapposizione per lui, rari i cross messi in mezzo: quando manca Alex Sandro di fatto la Juventus perde una fascia in termini di proposizione, come se fosse un boeing costretto a volare con la sola forza dei motori di destra. 36 anni a maggio, Patrice Evra è davvero arrivato al limite della sua carriera vissuta sempre ad alte quote, ma partita proprio dalla Serie C italiana (a Marsala). Adesso la sua parabola, ormai discendente, conoscerà altri lidi e nuovi obiettivi certamente ridimensionati, ma che gli permetteranno sempre di giocare e continuare ad amare questo sport da protagonista ancora per un po’.

Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

 

 

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl