Evra va al Marsiglia, la Juventus lo saluta a suo modo

170109_Goodbye_Evra_1400x933
Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Zio Pat è andato via, tra mugugni e dispiaceri, ma è innegabile l’apporto, sia in termini di prestazioni, soprattutto durante la prima annata, sia per peso nello spogliatoio, come dopo la sconfitta contro il Sassuolo, che ha saputo dare alla causa bianconera. Quando se ne va un leader non è mai facile accettarlo, ma la Juventus ha visto passare tanti giocatori: la sua forza è stata sempre quella di rimanere uguale a prescindere dai propri componenti. Ecco, di seguito, riportato il saluto della società sul proprio sito ufficiale:

Termina l’avventura di Patrice Evra in bianconero. Il giocatore francese proseguirà la sua carriera nell’Olympique Marsiglia, cui è stato ceduto a titolo definitivo. 

Quando, due anni e mezzo fa, Patrice sbarcò a Torino, si capì subito che alla Juventus non era arrivato un giocatore come gli altri.

Esperienza internazionale, leadership, capacità di affrontare anche le sfide più importanti con il carisma che pochi calciatori possono vantare di possedere, sommate ovviamente a una grande classe in campo.

Queste sono solo alcune delle caratteristiche che, fin da subito, Evra ha dimostrato in bianconero: in due anni e mezzo, Pat ha messo insieme in tutte le competizioni 82 presenze, per un totale di quasi 7 mila minuti, quasi tutti sulla fascia sinistra del campo. Tre gol, sette assist, ma soprattutto 202 cross su azione, 76 occasioni create, 301 possessi recuperati e 122 intercetti.

Sono numeri di un campione, ma i numeri da soli non sono sufficienti a raccontare Evra.

Già, perché Patrice si è affermato fin da subito come uno dei leader dello spogliatoio: ricordiamo tutti alcune sue frasi celebri, come questa: «Se non scendessi in campo per vincere sempre chiederei al Mister di non farmi giocare», oppure ancora le parole dopo quel Sassuolo-Juve nell’autunno 2015, quando insieme a Capitan Buffon, suonò letteralmente la carica, dando il via a un ciclo di vittorie straordinario.

Un leader, si, ma sempre col sorriso: il suo «I love this Game» è diventato una sorta di mantra, per tutti. Una perfetta sintesi del suo stile, del suo amore per il calcio e della sua voglia di dare il massimo, senza rinunciare mai a un pizzico di divertimento.

Buona fortuna, Pat, e grazie di tutto.”