Mercato Juve: tra realtà e sogni di notti di mezza estate, ma anche di mezzo inverno

Mercato Juve: tra realtà e sogni di notti di mezza estate, ma anche di mezzo inverno


Il mercato Juve è sempre in voga, a maggior ragione quando “Vincere è l’unica cosa che conta”. Migliorarsi, raggiungere la perfezione, vuol dire anche confrontarsi con un tema delicato, che corrisponde ad uno degli aspetti più vari e commentabili del calcio moderno, in cui tutti i tifosi analizzano e valutano non solo il giocatore, ma anche le cifre, i modi, le clausole e addirittura il peso che questo può avere a bilancio, tra plusvalenza, ammortamento e tutto il resto. La finestra di gennaio, poi, stimola i sogni e la fantasia degli appassionati, che sperano sempre in un colpo ad effetto, quello capace di farti… vincere!

Ecco quindi che abbiamo deciso, essendo quasi a metà della finestra invernale, di ricapitolare colpi fatti, strategie, investimenti e sogni di notti di mezza estate, ma anche di mezzo inverno.

MERCATO JUVE CERTEZZE

Partiamo dalle certezze: la Juventus ha già bloccato il futuro. Caldara, classe 1994, è il rinforzo scelto per la difesa e arriverà, dopo 18 mesi di prestito, nell’estate 2018, quando si dovrà decidere se chiedere ancora qualche straordinario a Barzagli e rinnovargli il contratto oppure se il difensore toscano potrà, sempre che lo decida, appendere gli scarpini al chiodo. Un’operazione 15 milioni netti, a cui si aggiungono 10 di bonus, 6 raggiungibili con la maglia bianconera e 4 come premio di valorizzazione per l’Atalanta, nei mesi che il difensore trascorrerà ancora a Bergamo. Orsolini, esterno del 1997, è stato invece appena prelevato dall’Ascoli per 5,5 milioni di euro, a cui in caso di raggiungimento degli obiettivi fissati andranno aggiunti 4,5 di bonus e di sinergia per altre operazioni. Cartellino oneroso nonostante sia un giocatore ancora molto giovane, ma in realtà in linea con i prezzi odierni, basta pensare infatti all’offerta di qualche giorno fa del Liverpool per il parietà Cassata, primavera bianconero in prestito ad Ascoli. Il giocatore arriverà già a giugno, poi la società valuterà se tenerlo in prima squadra o girarlo nuovamente in prestito.
L’acquisto di uno degli esterni più promettenti in Italia è comunque un segnale forte, e potrebbe essere legato anche all’affare Berardi: la stagione da fantasma del lucano e i “rifiuti” passati potrebbero aver indotto il mercato Juve a cambiare strada, o quantomeno a tutelarsi. In verità tra i sogni, nella stessa casella di esterno mancino impiegato a destra, c’è sempre Federico Bernardeschi, numero 10 della Fiorentina, più volte accostato alla Juve e sicuro talento. La viola non sembra intenzionata a cederlo, almeno non vorrebbe rinforzare un’eterna rivale, ma di fronte ad un’offerta importante anche queste condizioni potrebbero vacillare.

Se l’attacco sembra sistemato – tra l’acquisto di Higuain, il rinnovo di Dybala per cui non c’è fretta ma che comunque sembra procedere in modo lineare, l’impiego di Mandzukic e la talentuosa scommessa Pjaca -, rimangono invece da risolvere i rebus difesa e centrocampo.

MERCATO JUVE DIFESA

La volontà sembra quella di riscattare Benatia a giugno, per mantenere invariato il reparto centrale, collaudato e molto efficiente. Dovranno invece cambiare le fasce: Lichtsteiner è in scadenza e il caso Evra tiene banco ormai da giorni. Dopo la frenata per Kolasinac si pensa a Spinazzola e si valuta Mattiello, come soluzioni ottime per qualità/prezzo, ma un investimento potrebbe comunque arrivare. Anche perché se, come sembra, il trenino svizzero non dovesse rinnovare, la Juventus richiamerà Pol Lirola, attualmente in prestito a Sassuolo, per fare il vice Dani Alves. La sensazione è che due soli terzini/ali con esperienza siano troppo pochi per giocare al meglio tutte le competizioni… e allora chissà che in cima alla lista non possa tornare Sime Vrsaljko, spesso corteggiato prima della sua firma con l’Atletico Madrid, con cui però fino ad ora ha giocato solo 10 partite.

eva

MERCATO JUVE CENTROCAMPO

Nel mercato Juve il centrocampo sembra essere invece destinato ad una vera e propria rivoluzione, o almeno l’idea, secondo quanto riportano molti quotidiani, è quella di investire per due colpi di prospettiva ma già pronti. Cedendo per una questione numerica ma anche per monetizzare Hernanes e Lemina, la Juve aprirebbe di fatto ad un colpo come Tolisso. Il cartellino del francese costa 30 milioni circa, ma tra cessioni e risparmio sugli ingaggi, l’operazione non creerebbe grossi problemi. Con Khedira chiamato a gran voce dalla MLS, leggasi anche New York City FC, poi si libererebbe un’altra casella. E in questo senso il sogno, ma anche l’obiettivo, è quello di puntare tutto su Marco Verratti. Un’operazione da circa 80 milioni, queste le cifre uscite negli scorsi giorni, che quindi concentrerebbe la maggior parte del fondo bianconero. Non impossibile visto che, secondo le parole del suo agente, il centrocampista italiano si sta guardando attorno, la sua voglia di cambiare aria e trovare maggiori stimoli può essere decisiva.

Tra le notti di mezzo inverno e quelle di mezza estate i sogni si accumulano, con l’obiettivo che per quelle di autunno diventino realtà, ma con la speranza di gioirne già durante quelle di primavera.

ULTIME NOTIZIE