Carlo Volpi (ag. di Sturaro): "Solo in Italia erano interessate 14 squadre, ma la Juve..."

Carlo Volpi (ag. di Sturaro): “Solo in Italia erano interessate 14 squadre, ma la Juve…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Stefano Sturaro sta diventando senza dubbio un elemento importante di questa Juve. Soprattutto da quando Allegri sembra aver accantonato il 3-5-2 in favore del 4-3-1-2, Sturaro sembra aver trovato maggiore spazio in mezzo al campo tanto da diventare nelle ultime uscite un elemento inamovibile degli undici iniziali di Massimiliano Allegri.

NO SECCO. Carlo Volpi, agente del centrocampista bianconero, dopo il rinnovo di contratto che a dicembre ha firmato il suo assistito con la Juventus fino al 2021, ha parlato ai microfoni di SerieANews.com dell’interesse che ha suscitato il centrocampista classe ’93 nell’ultimo mercato e del rifiuto, netto, di cederlo da parte della Juventus: “Ci sono state squadre che hanno mostrato interesse nei riguardi del mio assistito ma la Juventus le ha respinte tutte come fosse un muro di gomma. Solo in Italia, senza considerare interessi inglesi, ci sono state 10/14 squadre che hanno chiesto informazioni fin dalla scorsa estate, ma il club bianconero nutre una grande considerazione nei suoi confronti”.

Il segreto che più di tutti ha aiutato Sturaro a conquistare il suo spazio in un club prestigioso come la Juventus, non è difficile da intuire e Volpi non usa mezzi termini a riguardo:  “Alla Juventus valutano prima l’uomo che il calciatore e questa è una lezione che Stefano ha imparato in fretta dallo zoccolo duro della squadra. La Juventus non ha mai mostrato dunque l’intenzione di cederlo e Sturaro ha grande voglia di fare la propria parte”.

Aristide Rendina

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy