M'ama o non m'ama, il mercato delle dichiarazioni d'amore (spesso) tradite

M’ama o non m’ama, il mercato delle dichiarazioni d’amore (spesso) tradite


Sono partiti i primi colpi del mercato invernale, e non parliamo di botti perché per ora sono movimenti cosiddetti minori. Gli unici due ufficiali al momento sono Pavoletti al Napoli e Rincón alla Juve, con “el General” che ha già fatto visite e conferenza stampa di rito per la presentazione. Questo per quanto riguarda il mercato interno, mentre a livello internazionale i movimenti principali sono Draxler al PSG e ahinoi (ma davvero ahinoi?) Witsel in Cina.

PROMESSE D’AMORE E FUGHE DORATE

La telenovela Witsel-Juve continuava da mesi ormai, da quel fantomatico 31 agosto in cui, stando a quanto fu fatto trapelare, il giocatore Belga era in sede in corso Galileo Ferraris penna in mano pronto alla firma in attesa del fax che rappresentava il “nulla osta” da parte dello Zenit, che però non arrivò mai. “Più lunga è l’attesa, maggiore è la ricompensa” twittava il riccioluto centrocampista, facendo intendere che le strade sua e della Juve si sarebbero incrociate comunque, magari solo un po’ più in là. A oggi sappiamo che ha preferito andare a svernare in una delle squadre di Shangai, alla cifra monstre di 18 milioni all’anno, qualcosa di inconcepibile per le società europee se non per i fenomeni come Messi e Ronaldo. La Juve quella cifra gliela proponeva per 4 anni. Impossibile competere. Ma la domanda che ci facciamo è: siamo davvero così dispiaciuti? Per quanto ci riguarda la risposta è no, per una ragione motivazionale e per una di campo. Quella motivazionale: parliamo di un giocatore che evidentemente non ha ambizioni di alto livello, se pensiamo che ancora piuttosto giovane ha preferito prodigarsi in un campionato decisamente mediocre quando una scelta del genere la si può fare a fine carriera (e in questo senso ci stupisce meno la scelta di Tevez, ma vallo a spiegare ai tifosi Xeneizes che si son sentiti anch’essi traditi dopo le dichiarazioni di amore eterno dell’Apache verso i colori azzurro e oro); aggiungiamoci che già nella fase centrale della sua carriera la scelta dello Zenit faceva già intendere qualcosa del genere, preferendo i milioni russi al blasone delle squadre storiche. Quella di campo: già in estate avevamo la sensazione che Witsel sarebbe stato un buon colpo e poco più, un buon rinforzo del centrocampo ma non il campione che avrebbe fatto fare chissà che passo in avanti. Con la partenza di Pogba probabilmente sarebbe stato titolare, soprattutto con Marchisio fuori a lungo, ma a oggi rientrerebbe tranquillamente nelle rotazioni da cui solo il numero 8 dovrebbe essere escluso.

#JUVEBEFFATA

Il mancato arrivo di un Witsel volato in Cina era stato preceduto e forse in qualche modo preannunciato dall’acquisto di Tomás Rincón, eclettico e dinamico centrocampista muscolare del Genoa, che ha fatto storcere il naso a molti. Non parliamo di un fuoriclasse anche perché altrimenti, senza offesa per i grifoni, a 28 anni sarebbe stato altrove, ma comunque di un giocatore che porta in squadra qualcosa che mancava e soprattutto utilizzabile in Champions. Inoltre porta con sé tutto l’orgoglio di una nazione intera, il Venezuela, che vede il capitano della sua nazionale giocare in un top club mondiale. Se il ragazzo mantiene quel che fa intravedere, ci darà soddisfazioni. In parallelo si cercava di arrivare al giovane Gagliardini dell’Atalanta, dopo aver appena concluso le trattative per Caldara che arriverà nel 2018. Il centrocampista della Dea pare però ormai indirizzato verso Milano sponda Inter, da qui i soliti teatrini mediatici che hanno iniziato a parlare di #Juvebeffata. Al netto delle dichiarazioni di Marotta dato che la Juve un occhio su Gagliardini ce lo aveva eccome, l’accordo finale parla di una cifra complessiva di 28 milioni di euro, non proprio bruscolini per un ragazzo che ancora è tutto da farsi. Le ultime volte che abbiamo sentito questa frase furono per giocatori come Iturbe, Gabbiadini e lo stesso Draxler, nessuno dei quali ha poi lasciato il segno nelle squadre che avevano per così dire beffato la Juve. Solo il tempo ci dirà se sarà così anche stavolta, di sicuro almeno non abbiamo assistito a promesse d’amore eterno tradite (vedi Tevez) o mai realizzate (Witsel). E poi ci sono quelli che forse si pentono e vorrebbero tornare dall’amata Signora (Morata), ma questa è un’altra storia

Dario Ghiringhelli (@Dario_Ghiro)

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl