Dal 2017 vorrei...di nuovo una squadra dominante

Dal 2017 vorrei…di nuovo una squadra dominante

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Terminati i festeggiamenti per il nuovo anno, eccoci qui a tirare le somme degli scorsi 12 mesi e a trovare dei propositi per il futuro. Il 2016 è stato un anno ricco di emozioni. Orgoglio per la seconda doppietta consecutiva campionato-coppa Italia. Amarezza per il tragico finale di Monaco. Un leggero senso di abbandono per gli addii in particolare di Morata e Pogba. I molti cambiamenti a livello di organico hanno portato una delle pecche di questo inizio di stagione: non avere un gioco dominante. Un problema di natura tecnica e fisica.

IL PASSATO

Dall’arrivo di Conte la Juve ha abituato a dominare gli avversari partendo da una manovra corale e godibile anche dagli spettatori. Con Allegri, la fame di vittorie si è trasformata in intelligenza tattica, adeguando i ritmi del gioco alle fasi della partita. Ora però sembra mancare proprio questo ritmo. La circolazione di palla è piuttosto lenta e prevedibile. La formazione sembra accontentarsi a congelare la partita, attendendo un lampo dai propri fuoriclasse.

LA CAUSA

pirlo-pogba-vidalLa causa principale non è difficile da trovare. Conte, prima, e Allegri, poi, avevano la fortuna di contare probabilmente sul centrocampo più forte del mondo. Pirlo, Vidal, Marchisio e Pogba. Geometrie, estro, agonismo, forza fisica e senso tattico. Insieme, al top della condizione, erano una macchina perfetta che permetteva alla Juventus di gestire e comandare le partite dal primo all’ultimo minuto. Ora di quel centrocampo rimane solo una piccola, flebile traccia.

IL PECCATO ORIGINALE

PjanicLa difesa era ed è tutt’ora il reparto che garantisce sicurezza a tutta la squadra. Non si può però pensare che i vari Bonucci, Barzagli, Chiellini, Rugani e Benatia possano essere la base del gioco bianconero. Questo compito spetta al centrocampo. Il peccato originale è forse stato pensare a Pjanić come vero regista e demiurgo della manovra juventina. Il bosniaco non è ancora riuscito a calarsi in questo ruolo, alternando grandi giocate a troppe pause. Aggiungiamo poi un Dybala quasi mai ai livelli dell’anno passato, ed è ecco che è piuttosto facile capire i problemi della Juve. Senza giocatori di qualità a dettare i tempi è tutta la formazione a soffrirne.

LA SOLUZIONE

L’anno scorso furono Pogba e Dybala a nascondere le assenze di Pirlo e Vidal. Grandi centrocampisti non arriveranno nel mercato di gennaio. La speranza per l’anno nuovo è quella di rivedere al top La Joya. Troppo importante per la costruzione del gioco e per collegare il centrocampo all’attacco, senza dover ricorrere sistematicamente ai lanci lunghi, come accaduto in Supercoppa. Da marzo in avanti si deciderà gran parte della stagione bianconera. Ritrovare Dybala e una migliore condizione fisica generale sarà fondamentale per affrontare al meglio i durissimi impegni che attenderanno la Juve in Champions. Bayern, Barca e Real non aspetteranno nessuno. Bisognerà arrivare al 100% cercando di colmare tutti i difetti emersi in questa prima parte di stagione.

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy