Gian Piero da Grugliasco

Gian Piero da Grugliasco


E’ uscita Juventus – Atalanta sulla ruota di Torino:  jackpot  sbancato. Prevedere infatti un incontro di vertice  tra bianconeri e nerazzurri non sarebbe stato difficile; ciò che non si sarebbe potuto prevedere era che, al posto della solita banda di “cartonati”, c’era Bergamo Calcio. E reduce da 6 vittorie consecutive e da 7 vittorie ed un pareggio nelle ultime 9 gare. Numeri mostruosi per qualsiasi grande squadra, assolutamente dell’altro mondo se rapportati alla realtà atalantina.

Pensare che la stagione non era cominciata in discesa. Nelle prime 7 partite i bergamaschi hanno collezionato ben 5 sconfitte. Con la logica conseguenza tutta italica di dare gli 8 giorni al tecnico. D’altra parte, il presidente Percassi non poteva esimersi dal comportarsi come “così fan tutti” i suoi colleghi altolocati. Zamparini docet. ‘Caro Gasperini, capisco che lei abbia una visione diversa del calcio. Però, veda, Pinilla e Paloschi a me costano quasi 5 milioni lordi in due. Dunque devono giocare. Se non lo fa, troverò un suo collega che mi dia retta’

Dunque Gasperini si è allineato al volere della dirigenza. Nemmeno per sogno, a Bergamo non sapevano ancora chi è Gian Piero Gasperini da Grugliasco, prolungamento di Torino verso ovest in direzione Francia, segno dell’ acquario e quindi libero e privo di catene, talebano delle sue idee e pronto a lavorare sul campo dal mattino alla sera per insegnare calcio.

kessie-550503-660x368Fuori le “cariatidi” costose, dentro ragazzi promettenti come Petagna, Gagliardini e Kessie e, dopo il buon pareggio di Firenze, parte la cavalcata miracolosa! Perchè Gasp con i giovani fa miracoli e non è la prima volta. Basta ricordare la vittoria di uno scudetto allievi ed un Viareggio con la Juventus dei Palladino, Mirante, Paro, Gastaldello e Konko lui che nella Primavera juventina giocava con Brio, Marocchino e Paolo Rossi, mica bruscolini. Per non parlare di decine di ottime partite sull’erba del Ferraris, a godimento dei supporter rossublù e delle tasche di Preziosi (o delle valigette, ma questo è un altro paio di maniche). Solo l’Inter non lo ha capito o forse lui non ha capito l’Inter; la qualcosa non ha dello strano, essendo la Benemerita un argomento out per qualsiasi juventino vero come è il Gasp.

Sarebbe bello chiedere a Percassi quanto le scelte del mister abbiano fatto lievitare il valore della rosa nerazzurra. Al netto di Pinilla e Paloschi, ovviamente. Sta di fatto che questa sera allo Stadium si presenterà una squadra che potrebbe annoverare dei futuri juventini e con quotazioni assai importanti. Nomi come Kessie, Gagliardini stesso o Caldara iniziano ad essere affiancati alla Juve. Nella migliore delle tradizioni oltretutto, giacchè con i trasferimenti da Torino a Bergamo e viceversa di giocatori di primissimo livello si potrebbero scrivere trattati.

E chi lo sa che, i sogni sono sempre permessi, in un futuro nemmeno molto lontano, dopo il naturale scadere del contratto che lega Allegri a Corso Galfer, non sia proprio Gian Piero Gasperini a ritrovare i suoi ragazzi in maglia bianconera. Dopo tutto, sarebbe uno juventino vero, garanzia di bel gioco, un piemontese al “comando”, come si dice a Torino per definire un prodotto eccellente “marcaleùn”. Non è forse quello che dall’inizio di stagione si vede chiedere a più non posso da una tifoseria inquieta e litigiosa?

Per l’Europa si dovrebbe attrezzare, è vero, ma anche Lippi non ne masticava per nulla e sappiamo tutti a Roma come è andata a finire, per tacere di Tokyo. Intanto chiamarsi Gian Piero in casa juventina vuole dire tanto, anzi tutto! Ovviamente da domani in avanti, perchè dalle 20,45 di questa serata umida ed uggiosa è vietato finire su “Scherzi a parte”.

Immagini tratte da  bergamopost.it   e   bergamonews.it

 

Loading...