Allegri inganna lo specchio: difesa a quattro e sacrificio in avanti

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Bene il risultato, contro il Chievo, ma dal punto di vista del gioco la Juve conferma di dover migliorare. Intanto, il passaggio verso la difesa a quattro continua. A Verona, la linea difensiva è stabilmente a quattro, con Alex Sandro e Lichtsteiner a fare gli esterni, e il terzetto si ricompone solo in sporadici frangenti, quando Alex Sandro ottiene licenza di offendere e Lichtsteiner, dall’altra parte riequilibra la squadra. Rimane, comunque, un piano realizzato solo a metà, sebbene la beffa a Maran, che aveva provato a disporsi a specchio, modificando la sua squadra, è sicuramente riuscita..

FONTE DI GIOCO

Gioco che passa dagli esterni, nei piani di Allegri, soprattutto dalla parte di Cuadrado e uno dei due attaccanti costretto a sacrificarsi largo. Di base è un puro 4-4-2, con Sturaro esterno atipico, ma spesso le progressioni di Cuadrado mutano il tutto in un altrettanto ‘spurio’ 4-3-3. La manovra, comunque, continua a non essere fluida e spesso l’unica fonte è proprio l’ex Chelsea, che accende la Juve con la sua classe, aiutato dalla corsa di Sturaro e dal grandissimo sacrificio di Mandzukic.

CENTROCAMPO

In mezzo, Pjanic ha un po’ più di libertà, con Hernanes chiamato a occuparsi di più della fase di non possesso e a mantenere maggiormente la posizione. Il brasiliano, però, pur disputando una buona partita, sbaglia spesso in fase di uscita in pressing e il bosniaco continua a faticare a trovare la posizione. Così, in mezzo spesso tocca a Bonucci prendersi le responsabilità più grosse. Visti i problemi, naturale il gioco si sfoghi ai lati.

Edoardo Siddi

 

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook