Pjanić a Sky Sport: “Non vedo l’ora di iniziare”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Lunga intervista quella rilasciata da Miralem Pjanić ai microfoni di Sky Sport. Il centrocampista bianconero si è soffermato sul lavoro fatto dalla società nel costruire la squadra per la prossima stagione  e sulla crescita che la squadra ha avuto nelle prime settimane di preparazione.

ATTESA PER L’ESORDIO – Ecco le parole del bosniaco: “Lavoriamo da un mese, il campionato si avvicina e ci stiamo preparando bene. Abbiamo ancora qualche giorno per perfezionare alcuni dettagli e non vedo l’ora di iniziare. Questa era già una bella squadra, che ha vinto per cinque anni di fila e ancora una volta la società ha costruito una rosa forte, ma dovremo dimostrarlo sul campo fin dalla prima di campionato, anche se affronteremo una avversario come la Fiorentina. Ogni anno la Juve ha la pressione di raggiungere certi obiettivi, ma la squadra e il mister sanno come gestirla e noi nuovi arrivati li seguiremo, mettendoci a disposizione.”

MULTIRUOLO – “Finora ho giocato sia da trequartista che davanti alla difesa. Ovviamente sono ruoli diversi, ma mi piacciono entrambi Contro il West Ham ho giocato da regista e mi trovo bene, anche se dobbiamo affinare ancora i meccanismi e proveremo a farlo già dalla prossima gara.”

COME PIRLO? – “Il paragone con Pirlo? È un giocatore eccezionale che ho sempre ammirato. Raggiungere il suo livello è uno dei miei obiettivi. Chi batterà le punizioni? Non è una gara, l’importante è che chi batte se la senta e sia convinto di poter segnare. Per me è importante che vinca la squadra, anche se naturalmente spero di poter segnare molto su punizione.”

OBIETTIVO CHAMPIONS – “La Champions? l’obiettivo è andare il più lontano possibile. In questi anni la Juve ha dimostrato di essere al livello delle più forti. Intanto pensiamo alla fase a gironi, poi dagli ottavi in avanti può succedere di tutto e spesso sono i dettagli a fare la differenza.”

E SU DYBALA, POGBA E BENATIA.. –  “Dybala? Con Paulo mi trovo molto bene, legge le mie giocate in anticipo ed è facile giocare con uno come lui, ma tutti gli attaccanti sono fortissimi e non sarà facile scegliere per il mister. Cercherò di dare loro palloni buoni, perché loro sapranno come sfruttarli. La cessione di Pogba? Paul qui ha fatto molto bene, lasciando un bel ricordo alla società, ai tifosi e ai compagni. A volte arriva il momento in cui un giocatore sente di dover cambiare aria e gli faccio un grande in bocca al lupo. L’amicizia con Benatia? Fin dai tempi di Roma. Lui è rimasto un solo anno, ma siamo rimasti in contatto e sapevo che sarebbe voluto tornare in Italia. Sono contento che sia qui, perché ha qualità e ci darà una grande mano durante la stagione. Come sarà giocare all’Olimpico? Mi aspetto una partita difficilissima contro una squadra molto forte, guidata da un ottimo tecnico. A Roma ho passato cinque anni bellissimi e sarà una partita speciale per me, ma ora indosso un’altra maglia e farò di tutto per vincere