Gli occhi su Blaise Matuidi: la scheda tecnica del centrocampista francese

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La Juventus è pronta a regalare un altro pezzo da novanta al suo allenatore. La caccia al centrocampista che dovrebbe completare il reparto, soprattutto nel caso di partenza di Paul Pogba, sembra si stia focalizzando intorno al nome di Blaise Matuidi, titolarissimo del Paris Saint Germain e della nazionale francese.

PROROMPENTE FISICITÀ – Matuidi è sicuramente uno dei migliori centrocampisti in circolazione nel panorama europeo, sia come rendimento, sia come esperienza internazionale. Il transalpino, pur non essendo più un giovanissimo, è nato a Tolosa il 9 aprile del 1987, sarebbe un ottimo sostituto di Pogba per diversi motivi. Pur non avendo la stessa tecnica di base del “Polpo” (merce più unica che rara in un interno di centrocampo), Matuidi è dotato di un ottimo mancino e di una prorompente forza fisica che gli hanno permesso di regalare vari assist ai compagni nella stagione passata, oltre ad un discreto numero di reti in campionato (quattro).

matuidiGRANDE DINAMISMO – Il numero 14 del Paris Saint Germain possiede velocità e potenza che sfrutta al meglio per recuperare palla a centrocampo e ripartire, così da allungare la squadra in fase di possesso. Ottimo giocatore nel fare filtro e nei contrasti, è un motorino inesauribile con grandi polmoni che garantirebbe alla linea mediana bianconera una maggiore dinamicità e quegli strappi che, con la partenza di Pogba, potrebbero mancare alla Signora.

ABILE NEGLI INSERIMENTI – Matuidi esprime in pieno le sue caratteristiche fisiche e tattiche come mezz’ala sinistra di un centrocampo a tre. Infatti, il nativo di Tolosa, oltre ad eccellere nel recupero palla, è bravissimo negli inserimenti in area ed è forte nei colpi di testa. Ricopre bene anche il ruolo di centrale in un centrocampo con due mediani, qualora mister Allegri decidesse di giocare in alcune occasioni con il 4-4-2 o con il 4-2-3-1.  Sarebbe l’ideale per dare equilibrio ad una Juventus che, in vista della nuova stagione, sembra plasmata per avere una trazione anteriore.