Due cavalieri al servizio della regina

Due cavalieri al servizio della regina


Il calcio inglese è in crisi. La sconfitta con l’Islanda ne è la prova lampante. I club non riescono a far strada nelle competizioni europee e sperperano i grandissimi budget per giocatori di dubbio livello. La nazionale fatica a creare talenti e a da 50 anni non si impone in una kermesse importante. E’ evidente la mancanza di idee e di progettualità nel paese creatore di questo sport.

CAUSE – Le colpe sono da spartirsi tra molte persone. Proprietari, dirigenti, manager, commissari e federazione. Nessuno sembra capace di portare un cambio di rotta e capire i problemi interni. I presidenti si disinteressano del settore giovanile e fanno a gara per il colpo più costoso, anziché per l’acquisto più utile e funzionale. 40 milioni per Carroll, 35 milioni per Schneiderlin. Sono due dei moltissimi esempi che si potrebbero fare. Le possibilità economiche della Premier sono sicuramente più elevate rispetto agli altri campionati, ma il passivo di 750 milioni di euro dell’annata passata appare un dato clamoroso se paragonato ai 138 della Liga e i 41 della Seria A.

PUNTO DI SVOLTA – La stagione 2015-2016 se ben interpretata può divenire un nuovo inizio per l’intero calcio inglese. La vittoria inaspettata del Leicester ha dimostrato che con un budget inferiore alle big e con il duro lavoro sul campo, si possono ottenere risultati straordinari. L’organizzazione di Ranieri e la voglia di vincere delle Foxies hanno sconfitto le scelte sciagurate dei team più quotati. La tattica viene troppo spesso trascurata in Inghilterra e ha portato a figuracce anche a livello europeo. La Premier League viene considerata il campionato più affascinante e spettacolare al mondo. Giudizio comune tra i tifosi, felici di vedere stadi e campi perfetti, partite con molti gol e il tipico agonismo d’oltremanica. Gli esperti al contrario storcono il naso di fronte a certe lacune ed errori. I movimenti dei difensori, il mancato filtro del centrocampo, la non eccelsa qualità dei passaggi e dei controlli, il troppo individualismo. Gli accusati principali sono sicuramente gli allenatori. Da Van Gaal a Rodgers, da Wenger a Pellegrini, concludendo con Hodgson, hanno tutti fallito clamorosamente nelle ultime stagioni, non riuscendo mai a dare un’anima e un buon assetto alla propria squadra.

Due nomi sembrano adatti a riportare in auge il calcio inglese e a tracciare la strada per tutti gli altri top club. Guardiola e Conte. Tra i più bravi tecnici in circolazione. Preparati, studiosi, grandi lavoratori sul campo e con precise idee in testa. Qualità che scarseggiano in molti colleghi. Le loro formazioni hanno sempre avuto una propria identità e un gioco che potesse esaltare le caratteristiche dei giocatori. Uno più offensivo, l’altro più improntato sulla difesa. Entrambi molto redditizi.

pep-guardiola-bayern-munich-german-bundesliga-04042015_17xnyakqjzlu213sl6c70ctzchGUARDIOLA – L’inventore del tiki-taka ha sempre avuto squadre molto belle dal punto di vista estetico, grazie anche alla qualità degli interpreti. Dopo le delusioni europee con il Bayern Monaco, è chiamato a dimostrare di essere realmente il miglior allenatore al mondo. Arriva nella squadra più tecnica della Premier, insieme all’Arsenal, tuttavia avrà molto da lavorare per ottenere un gioco fluido ed efficace come al Barcellona e in Baviera. La rosa non presenta fenomeni assoluti, ma appare comunque molto competitiva. L’attacco è sempre stato il punto forte e con l’acquisto di Gundogan sembra mancare solo un tassello che possa impostare il gioco anche dalla retroguardia. L’acquisto ideale, come richiesto dal tecnico, sarebbe Bonucci.
Formazione ipotetica: Hart; Sagna, Bonucci, Kompany, Clichy; Yaya Touré, Gundogan, Fernandinho; Silva, Aguero, De Bruyne.
Un grandissimo 11 titolare. Tecnico e fisico. Con le carte in regola per competere in Inghilterra e per la Champions. Guardiola proverà poi a metterci del suo. Sostituendo il gioco individualista, tipico delle ultime stagioni, con uno più corale e fatto di fraseggi stretti. Possesso palla esasperato, pressing alto e dominio territoriale. Tutti elementi già proposti nelle precedenti esperienze.

conte-juveCONTE – L’ex juventino si è consacrato a livello internazionale nell’ultima spedizione azzurra. Con giocatori di non eccelsa qualità è riuscito a dare un gioco e a creare una squadra difficilissima da battere per tutti. Gran difesa, organizzazione e corsa sono state le armi decisive a far crollare il Belgio e a tentare l’impresa con la Germania. Al Chelsea avrà molto più da lavorare rispetto al collega spagnolo. La squadra ha finito la peggiore stagione degli ultimi 20 anni. Il morale e l’autostima dei calciatori sono ai minimi termini, proprio come al suo arrivo alla Juventus. La rosa dovrà essere rivoluzionata, soprattutto in difesa. 53 gol subiti sono veramente troppi. Terry, Cahill e Ivanovic sembrano sul viale del tramonto. Azpilicueta, Baba e Kennedy danno poco affidamento. Difficile la proposizione di una retroguardia a 3, più probabile un 4-3-3 o un 4-2-4. L’ultimo modulo, tentato con poco successo nelle prime partite a Torino, è il più suggestivo. Sfruttando tutti gli esterni offensivi in rosa, potrebbe ottenere grandi risultati in un calcio più offensivo e meno tattico rispetto a quello italiano. Conte porterà una mentalità vincente, la cura maniacale nei dettagli e nei movimenti. Attraverso la costruzione di una difesa solida e impenetrabile passeranno molte delle sue fortune. Ricominciare un ciclo non è mai facile, ma come dimostrato in Italia, sembra essere l’uomo più adatto per questi incarichi.

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl