Mascherano, contromossa Barça: offerto il rinnovo fino al 2020

Mascherano, contromossa Barça: offerto il rinnovo fino al 2020

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

No, il Barcellona non ci sta. Perché la partenza di Marc Bartra al Borussia Dortmund si può sopportare, quella di Dani Alves alla Juve un po’ meno, ma un eventuale addio anche di Javier Mascherano sarebbe veramente troppo per una sola sessione di mercato. L’argentino ha manifestato il suo desiderio di cambiare aria e molti top club europei sono alla finestra, con la Juventus in pole position. Il club blaugrana però non ha intenzione di lasciar scappare anche “el Jefecito” e sta quindi studiando le contromosse adeguate.

RINNOVO – Quale contromossa migliore dei soldi? Il contratto di Mascherano scade tra due anni, ma il Barça secondo il quotidiano Sport proverà a trattenerlo offrendogli un rinnovo per altri due anni ancora, legandolo al club fino al 2020, con conseguente ricco aumento di stipendio. Una mossa importante, che potrebbe risultare decisiva nel prosieguo di questa caldissima trattativa di mercato. Mascherano-1

QUANDO? – Gli agenti di Mascherano hanno ricevuto la proposta e la analizzeranno, ma hanno fatto capire piuttosto chiaramente che non verrà presa nessuna decisione definitiva prima della fine della Copa America: l’Argentina esordirà infatti lunedì notte contro il Cile e il giocatore del Barça ora è concentratissimo su questa competizione. La trattativa, però, sarà tutt’altro che ferma: i contatti dei club con gli agenti continueranno, così come andranno avanti i tentativi della Juve per convincere il Barcellona a cedere l’argentino. I blaugrana hanno tutta l’intenzione di resistere, ma i bianconeri non pensano proprio di mollare.

Alessandro Bazzanella

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy