Conte chiede l'assoluzione nel processo calcioscommese

Conte chiede l’assoluzione nel processo calcioscommese


Antonio Conte si professa innocente e, nell’udienza preliminare del processo al calcioscommesse, chiede la piena assoluzione. È questa la richiesta dei suoi avvocati, Leonardo Cammarata e Francesco Arata, che hanno affermato la completa estraneità dell’attuale c.t. della Nazionale: “Quello delle scommesse e quello di Antonio Conte sono due mondi completamente diversi”, hanno detto.

Il pm Roberto Di Martino, nella scorsa udienza, aveva chiesto una condanna per Conte: sei mesi di reclusione, con sospesione condizionale della pena, e ottomila euro di multa. Secondo l’accusa, infatti, il tecnico acconsentì tacitamente alla presunta combine di Albinoleffe-Siena, del 29 maggio 2011, quando sedeva sulla panchina dei toscani. Conte ha respinto ogni coinvolgimento e, nelle ultime settimane, aveva chiesto il rito abbreviato.

conte

 

Nella prossima udienza, prevista per il 22 aprile, è attesa la controreplica del pm. Ma i legali, dopo questa richiesta, contano di arrivare a sentenza entro il dieci maggio. L’assoluzione sarebbe importante per Conte, proclamatosi sempre innocente, anche in vista dell’ormai ufficiale approdo al Chelsea.

Loading...