L'Inter espugna lo Stadium con Bonetto. Juve sfortunata, Vadalà colpisce due legni. Mercoledì ritorno a San Siro

L’Inter espugna lo Stadium con Bonetto. Juve sfortunata, Vadalà colpisce due legni. Mercoledì ritorno a San Siro


E’ nella suggestiva cornice dello Juventus Stadium che si svolge il primo atto della finale di Coppa Italia Primavera fra Juventus ed Inter. L’impianto bianconero ospita quasi ventimila spettatori per l’occasione, riempiendosi dunque per circa la metà della sua capienza.

I ragazzi allenati da Fabio Grosso, che debuttano da protagonisti nella casa di Madama per la prima volta, cominciano la gara con grande aggressività, talvolta sfiorando ritmi infernali sia in fase di proposizione che di pressing. Emblema di quest’ultimo fattore è senza dubbio il recupero palla che Vadalà, approdato a Torino in ambito dell’affare che ha riportato Tevez al Boca, compie su Gnoukouri a ridosso del centrocampo correndo per venti metri. E’ dunque una Juventus propositiva quella ammirata nella prima parte del primo tempo, e che gioca spesso di prima senza portare troppo il pallone con un solo interprete. Il contagiri dei bianconeri va a mille anche se le occasioni vere latitano. Favilli fa a sportellate lì davanti mentre Vadalà e Kastanos a supporto provano a tagliare la difesa dei nerazzurri con buoni e ripetuti inserimenti. Tuttavia nella seconda parte di frazione i ragazzi di Grosso accusano il colpo a livello fisico e l’Inter riesce a passare. Ad approfittare di una serie ripetuta di errori in fase di impostazione nelle retrovie da parte dei piemontesi è Bonetto al 27′, protagonista di una bruciante ripartenza per vie centrali che castiga Audero.

J Stadium

La rete dei nerazzurri sveglia la Juventus che nel quarto d’ora finale prima dell’intervallo, crea numerose occasioni grazie ad uno straripante Vadalà supportato anche dalle velenose incursioni di Lirola. Bellissima l’occasione che i due costruiscono al 40′, quando su assist del compagno, Vadalà in spaccata centra in pieno la traversa dall’interno dell’area piccola. Poco prima allo stesso ex Boca vengono annullate due reti per offside, mentre Kastanos si rende pericoloso in virtù di una conclusione effettuata in area proprio su assist di Vadalà. Il primo tempo finisce col parziale a favore dell’Inter, ma il gioco bianconero, sebbene a tratti risulti troppo frenetico, riesce a convincere. Nel secondo tempo i bianconeri cominciano ancora sull’onda della spinta scaturita nel corso dei minuti finali della prima frazione sfiorando ancora la rete del pareggio, che a questo punto risulterebbe anche più che meritato in virtù del secondo legno colpito dal solito Vadalà grazie ad un tiro a giro che ricorda quello di Dybala contro il Sassuolo, ma più potente. L’Inter, dal canto suo, si dimostra comunque paziente nel contenere la pressione dei bianconeri, senza strafare in fase offensiva e provando ad approfittare delle occasioni che rappresentano le ripartenze.

Il rischio corso dalla Juve per il possibile raddoppio interista porta il nome di Kouame, che tenta un tacco di difficile concretezza davanti ad Audero. Poi la squadra di Grosso prova più con il cuore che con l’organizzazione di gioco ad agguantare il pari. E difatti l’occasione più ghiotta giunge con il sinistro di Blanco da fuori, a dieci minuti dal termine. Al fischio finale l’Inter riesce a mantenere il prezioso gol di Bonetto che di fatto decreta la vittoria di misura dei nerazzurri. La Juventus esce dallo Stadium un po’ delusa dal non essere riuscita a raccogliere i frutti dei suoi sforzi in zona gol, complice anche una buona dose di sfortuna. Ad ogni modo, quel che è certo è che il ritorno non rappresenterà una partita dall’esito scontato, anzi. La Juventus di Grosso, dall’animo battagliero, tornerà ad affrontare un’Inter cinica e comunque apparsa più matura sotto l’aspetto della gestione della partita ed anche del dosaggio delle energie. I bianconeri tuttavia hanno dimostrato di disporre di buone qualità individuali e di un gradevole gioco di squadra per ribaltare le sorti di questa finale di Coppa Italia. L’appuntamento sarà mercoledi prossimo a San Siro.

Rocco Crea (Twitter @Rocco_Crea)

 

 

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl