Le dichiarazioni "shock" di Graziano Cesari

Le dichiarazioni “shock” di Graziano Cesari

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Diciamoci una sacrosanta verità. Siamo tutti abituatissimi, quasi assuefatti, alle polemiche arbitrali che spesso seguono le nostre partite e ai teatrini inneggianti al complotto che le accompagnano. Qualche tifoso si dice persin goduto di tutto questo, altri, e noi tra questi, nonostante l’assuefazione continuano ad esserne piuttosto infastiditi. “La Juve ruba”, “sapete solo rubare”, “partita falsata” o addirittura “campionato falsato” sono le cose più tenere che si sentono dire. Con il rovescio della medaglia che poi quando gli errori invece li subiamo la solfa si tramuta in: “non potete lamentarvi con tutto quello che rubate sempre”.

Ieri si è sentita una voce fuori dal coro. Una voce decisa e che dato il ruolo passato e attuale fa un rumore fragoroso: quella di Graziano Cesari, ex arbitro tra i più apprezzati soprattutto negli anni ’90 e attuale opinionista/moviolista a TikiTaka su Italia 1 il lunedì sera oltre che in varie trasmissioni sportive su Sportmediaset, a partire dallo speciale Champions League che ormai purtroppo non ci vedrà più coinvolti. In una bella e lunga intervista su quanto successo nel week end e non solo, il Cesari-pensiero si può riassumere così: la Juve ruba? Ma fatemi il piacere. Relegando a mere chiacchiere da bar tutte le inutili parole spese nei giorni scorsi e negli anni indietro. Il parere è ancor più autorevole quando dato da un personaggio pubblico e con questo curriculum, intento spesso e volentieri a sottolineare tutti gli errori arbitrali, affermando con la stessa decisione quando ci sono e quando no, a prescindere da chi sia la squadra che ne trae involontario vantaggio o quella che ne viene penalizzata. Su questo punto Cesari si distingue dalla massa dei parlatori post partita: nel sostenere l’assoluta e totale buona fede di quelli che sono né più né meno che errori umani. Forse più umani dei gol mangiati da Dzeko di recente, o da Robinho poche stagioni fa. Nessuno si sogna di pensare che tali errori madornali a zero centimetri dalla porta siano stati fatti per favorire gli avversari di giornata.

Banner_editoriale_Dario_Ghiringhelli1

Quanto detto dal brizzolato opinionista parte da una verità tanto semplice quanto lampante: chi vince sta antipatico, quando la Juve non vinceva non c’era tutto questo accanimento nei suoi confronti. Siccome l’assioma è semplice lo è anche il corollario: chi vince tanto suscita gelosie. E la Juve che ultimamente oltre a vincere macina record su record non può che risultare invisa ai tanti anti-juventini. Non si vincono campionati da imbattuti o con il record di punti solo con gli errori a favore. Lui sottolinea sempre questo: errori, mai aiuti. Perché la sudditanza psicologica esiste, ma più verso il campione che verso la squadra. E allora ecco che per entrare nello specifico di uno degli episodi del derby né Totti, né Zanetti, né Maldini in passato pur andando a muso duro contro gli arbitri sono mai stati sanzionati, mentre il gesto di Bonucci di domenica è stato fatto passare dai media come un assedio all’arma bianca. Bonucci che peraltro nell’occasione è stato ammonito, cosa non avvenuta come detto per i predecessori.

Nel suo dire la verità viene quasi da ringraziarlo, così come nell’aver fatto notare agli altrettanto complottisti napoletani (intesi come tifosi del Napoli, non sia mai) che almeno 2 dei 3 gol di Higuain e compagni di domenica sera nascono da azioni irregolari, compreso quello del momentaneo pareggio (fallo di Koulibaly su Cerci in fase di recupero palla per l’1-1, fuorigioco di Gabbiadini prima dell’assist a El Kaddouri per il 3-1 finale). E poco gli importa che qualcuno dicesse di no, lui il regolamento lo conosce e li ha bollati come falli. e come errori, appunto, questa volta pro-Napoli. Eppure nessuno scandalo, anzi.

La lucidità spesso abbandona chi parla di calcio. Fino alle scene tragicomiche di Liguori e Giordano che si imbavagliano ridicolizzando se stessi, i loro tifosi, i loro lettori e persino l’ordine dei giornalisti interi, prendendo posizione in maniera netta e peraltro sbagliata nei confronti di un Direttore di Gara che, se errori ha commesso, di questo appunto si è trattato: errori. Gravi a volte quanto un gol sbagliato davanti alla porta, ma pur sempre errori. I tifosi fanno spallucce, qualcuno come dicevamo quasi gode della situazione. Le chiacchiere da bar nutrono l’invidia di chi sta dietro, e come si dice spesso, la Juve è l’alibi di chi non vince.

Dario Ghiringhelli (@Dario_Ghiro)

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy