La Premier League insidia Bonucci, ma la Juve tiene duro

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Che Leonardo Bonucci sia il sogno proibito di molti allenatori è ormai cosa nota, ma quando queste voci iniziano a prendere piede nell’ambiente juventino allora la situazione inizia a diventare seria. Nel post partita di Juventus-Bayern Monaco, Pep Guardiola non ha nascosto la sua ammirazione per il centrale juventino, indicandolo come l’elemento che toglierebbe a questa Juventus.

DESTINAZIONE PREMIER – A fare la spesa in casa Juventus potrebbe essere lo stesso Guardiola, nelle vesti di nuovo allenatore del Manchester City. Gli sceicchi petrolieri proprietari del club inglese sono pronti a fare follie per assicurarsi le prestazioni del centrale viterbese, arrivando a offrire alla Juventus la cifra di 35 milioni di euro. Cifra che non spaventa la dirigenza bianconera, ormai abituata a rifiutare offerte ben più corpose. Anche Antonio Conte è sulle tracce di Bonnie, con cui ha un rapporto personale molto forte. Anche in questo caso l’offerta dei Blues arriverebbe ai 35 milioni e resta probabile lo scenario di un’asta fra i due club inglesi. Nel Chelsea servono forze fresche in difesa, andando a sostituire un anzianotto John Terry, sulla soglia dei 36 anni.

Leonardo Bonucci, difensore JuventusINSIDIA BAYERN – La dirigenza cercherà di trattenere Bonucci ad ogni costo, ma, come è ovvio, un’offerta fuori mercato potrebbe far vacillare i piani alti di Corso Galileo Ferraris, soprattutto se si inseriranno contropartite tecniche gradite. E’ questo il caso del Bayern Monaco, con cui si potrebbe trattare di un inserimento di Benatia o Götze nella trattativa. L’attaccante bavarese è visto di buon grado dall’entourage juventino, ma l’impressione è che si virerà su altri obiettivi nel far cassa, senza snaturare troppo il reparto difensivo, che è uno degli attori principali dello straordinario successo juventino degli ultimi anni.

QUESTIONE DI SCELTE – Dovesse arrivare l’offerta irrinunciabile, sarà presa una decisione con lo stesso giocatore, che, nonostante rappresenti uno dei pilastri di questa Juve, potrebbe essere attratto dalle sirene estere, soprattutto inglesi. A quel punto sarà importante prendere una decisione congiunta, e scegliere se dare la priorità al cuore o alla carriera, considerato che a 28 anni questi treni possono passare anche solo una volta.