Lemina, un gol per il riscatto e per la fiducia: ora il futuro gli sorride

Lemina, un gol per il riscatto e per la fiducia: ora il futuro gli sorride

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Centosessantadue giorni fa, Mario Lemina era una bella promessa ancora tutta da gustare. Allegri l’aveva appena scoperto: complici i problemi a centrocampo, arrivò tuttavia ad affidargli la leadership di tutto il reparto di mezzo della Juventus. E lui rispose: con convinzione, con dedizione, con una voglia matta di meritare quella maglia prestigiosa appena indossata.
Centosessantadue giorni fa, Mario Lemina segnava il primo gol in Serie A. Al Napoli, a Napoli. In una serata per molti da dimenticare, per lui – almeno in parte – finì per diventare il punto da cui partire.

IL RITORNO – Sono invece 124, i giorni passati da quel maledetto tre novembre: appena un paio di minuti in campo contro il Borussia Mönchengladbach, quindi uno stop che a lungo sembrava aver compromesso tutto, soprattutto la futura permanenza del gabonese. Sono stati mesi difficili, per Mario. Fatti di terapie, differenziati e piccoli passi verso il ritorno. Mesi di determinazione e corsa, ma anche di notizie false e pretenziose. Fino al momento della reazione, con quel tweet tanto conciso quanto efficace: “Molti di voi pensano che alla Juve le cose vadano male, invece va tutto benissimo”, scrisse il 26 gennaio. Un mese e mezzo dopo, quelle parole trovano la conferma del campo. La più importante.

Lemina è rimandato. Il giovane francese ha talento e si vede, ma troppe poche partite per poter giudicare un ragazzo del '93. Bisogna dargli più tempo e più spazio.

IL GOL – Lemina rientra al minuto 71 di Inter-Juve, nel bel mezzo della rimonta nerazzurra e della strage di certezze bianconere. E il copione, a mesi di distanza, proprio non cambia: il mediano finisce lì, nel mezzo della gestione e della rottura. Alzando testa, baricentro e consapevolezze. Ecco: non proprio come a Bergamo, dove l’uomo da sostituire è innanzitutto Khedira, e dove poi dal centro si passa sulla fascia. Sì, perché Mario finisce anche in una sorta di 4-4-2 vecchia scuola. Quasi da esterno puro, di certo non da candido vertice basso. Finché poi non decide di prendersi la briga di diventare un dieci vero: col numero, con la finta e col destro d’esterno che s’infila alle spalle di Sportiello. Da applausi.

IL FUTURO – Il primo pensiero? Va alla moglie, alla figlioletta che bacia subito dopo il fischio finale. A Bergamo ci sono tutti: compagni ovviamente compresi, corsi ad abbracciarlo al momento del gol, a stringerlo e rincuorarlo. Perché in quel momento, in fondo, ritorna un po’ tutto: dalla speranza iniziale fino al calvario, passando per tante piccole tappe che Lemina ha purtroppo saltato. Per dire: l’ultima in A arrivò proprio col Sassuolo, venerdì di nuovo sulla sua strada. Un girone dopo, l’ex Marsiglia può quantomeno tornare a sorridere: il futuro, del resto, è più roseo della maglia indossata a Bergamo. E chissà: forse quei 9.5 milioni per il riscatto, oggi, avranno un altro ‘pro’ di distacco sugli innumerevoli ‘contro’.

CriCo

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy