Fiorentina-Napoli 1-1: a Marcos Alonso risponde Higuain. Juve a +3

Fiorentina-Napoli 1-1: a Marcos Alonso risponde Higuain. Juve a +3


Allo stadio Artemio Franchi è puro spettacolo tra Fiorentina e Napoli con tante occasioni da entrambi le parti. Dopo 90 minuti ad altissima intensità, le squadre escono dal campo con un punto a testa dopo le reti di Marcos Alonso ed Higuain. Nel primo tempo azzurri salvati dai legni, nella ripresa è un super Tatarusanu a mantenere in vita la formazione di Paulo Sousa. Il Napoli perde due punti per strada e vede allontanarsi la Juve che sale a +3 in classifica.

PRIMO TEMPO – Inizio di gara scoppiettante sin dalle prime battute con i Viola che passano i vantaggio al 5′ minuto di gioco con un colpo di testa di Marcos Alonso lasciato tutto solo dalla marcatura a zona della difesa di Sarri su calcio d’angolo. La risposta degli azzurri arriva appena 1 minuto dopo con Gonzalo Higuain che appoggia facilmente la palla in rete dopo un rinvio maldestro di Alonso. Al 31′ Kalinic ha la palla per portare la Fiorentina di nuovo in vantaggio ma tutto solo davanti a Reina, stampa la palla sulla traversa. E’ ancora la formazione di Paulo Sousa a sfiorare il gol, questa volta è Tello a colpire nuovamente il legno con un perfetto sinistro a tiro che lascia Reina di stucco. Al 44′ ci prova anche Badelj che ci prova dal limite con un sinistro al volo: la palla termina di poco al lato.

SECONDO TEMPO – La ripresa si riapre con ritmi blandi ed è il Napoli a creare la prima occasione gol del secondo tempo con Callejon che si lascia ipnotizzare da Tatarusanu il quale sulla respinta compie un secondo miracolo su Higuain. Risponde la Fiorentina con un tiro a giro di Mati Fernandez al 64′ ma la palla si spegne sul fondo. Ancora Viola con Vecino ma il destro è alto. All’85’ Higuain vede annullarsi una rete per posizione di fuorigioco: buona la chiamata del guardalinee. L’ultima occasione la riceve Insigne ma è ancora uno strepitoso Tatarusanu a salvare l’1-1 che consente alla Juventus di salire a +3 dal Napoli.

Michele Ranieri

Loading...