Il passato è passato, ora testa alla Champions

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La notizia che mezza Italia sognava e che stava aspettando da molto tempo è arrivata ieri sera intorno alle ore 22.30: la Juve, dopo una rimonta incredibile condita da 15 vittorie di fila, si è fermata a Bologna con uno scialbo 0-0 e adesso si scopre al contro-sorpasso del Napoli. Grande festa, dunque, per i tifosi non juventini e, soprattutto, per quelli napoletani, che già sognano di nuovo il primato in classifica.

INUTILE PIANGERE SUL LATTE VERSATO – La Juventus ha dunque interrotto la striscia vincente di vittorie consecutive arrivando a 15. La prestazione di ieri a Bologna è stata abbastanza sottotono: poco ritmo nel primo tempo, gli uomini di Allegri hanno cercato di alzare i giri del motore nella seconda frazione di gioco (soprattutto con l’entrata in campo di Cuadrado), ma non sono riusciti a creare grandi grattacapi dalle parti di Mirante. Un’occasione persa, sicuramente, per continuare l’incredibile scalata alla classifica, ma ci sono diverse attenuanti: innanzitutto a Bologna sono cadute tante big (Napoli e Roma su tutte), inoltre, dopo 15 vittorie consecutive e la grandissima rincorsa al Napoli, è normale che la squadra per una volta non sia riuscita a scardinare la difesa bolognese. Ultimi fattori sono probabilmente stati il turn over dettato dai tanti infortuni e qualche pensiero già alla partita di martedì sera contro il Bayern… Già, la partita di martedì: adesso i bianconeri dovranno essere bravi a metabolizzare il pareggio di ieri che, come detto, ci può stare, e tornare a concentrarsi sulla Champions.

TESTA ALLA CHAMPIONS – Il campionato è passato e, almeno fino a lunedì sera, la Juve è ancora prima in classifica. Quindi bisogna chiudere il capitolo campionato e concentrarsi solamente sulla Champions. La sfida al Bayern è un “Everest” da scalare, ma gli uomini di Allegri, che forse avrà a disposizione Mandzukic e Chiellini, hanno tutte le carte in regola per dare fastidio ai bavaresi. Il passato è il passato, ora la Juve deve pensare al futuro imminente, che prende le fattezze del Bayern Monaco.

Simone Calabrese