Lo strano caso di Daniele Rugani: desiderato da Sarri, riserva per Allegri

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Daniele Rugani è il futuro della difesa bianconera. Questa frase l’abbiamo sentita dire praticamente da tutti all’interno della squadra e della società juventina. A ribadirlo, in particolare, è stato l’allenatore di Rugani, Massimiliano Allegri, a volte criticato per la gestione dei giovani ma che, in realtà, è molto bravo e sa quando un giovane è pronto. Evidentemente Allegri non ritiene ancora pronto Rugani per giocarsi una sfida così importante per il futuro in campionato dei bianconeri.

IL DESIDERIO DI SARRI – Se fosse per Maurizio Sarri, ex tecnico di Rugani ad Empoli, il giovane italiano sarebbe il punto fermo della sua difesa. Da quando Sarri è arrivato sotto il Vesuvio non ha fatto altro che chiedere al suo presidente l’acquisto del giovane talento bianconero. E il Napoli ci ha provato: varie offerte partenopee sono arrivate nella sede bianconera, e tutte le offerte sono state rifiutate.

CI VUOLE PAZIENZA, TANTA PAZIENZA – Nella conferenza stampa di vigilia di Juve-Napoli, Allegri ha deciso di ribadire che Rugani sarà il futuro della Juve, ma che per adesso è un po’ chiuso dagli altri difensori, vice-campioni d’Europa, titolari in Nazionale e che hanno dalla loro parte tanta esperienza. Rugani deve stare tranquillo e aspettare la sua occasione, che sicuramente ci sarà: la Juve ha infatti tanti impegni e gli infortuni di Caceres e Chiellini potrebbero lasciare spazio al giovane ragazzo. Poi toccherà a lui rispondere sul campo cercando di emulare le prestazioni che l’anno scorso lo hanno fatto diventare tra i difensori più appetibili del panorama calcistico italiano.

Simone Calabrese

 

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook