Juve-Napoli, lì dietro non si passa: un Barzagli mastodontico annulla l’attacco azzurro

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

La notte del sorpasso, oltre alla firma decisiva di Simone Zaza, porta in alto il nome del migliore in campo tra i bianconeri: l’invalicabile, il roccioso, mastodontico Andrea Barzagli.

PRECISIONE MASSIMA – Una delle caratteristiche migliori del numero 15 è la sua incredibile precisione, e anche stasera, contro un avversario difficile da domare, si è notata eccome. Nessuna sbavatura, mai fuori posto e sempre insuperabile. Nemmeno lo straripante Pipita di questo campionato è riuscito ad impensierirlo, con qualsiasi tentativo di incursione prontamente disinnescato al momento giusto. Di fatti l’argentino è stato messo totalmente alle corde, non risultando mai pericoloso, così come un po’ tutto il reparto offensivo dei partenopei.

MURO – Barzagli non ha saputo imporsi solo con la sua precisione impeccabile, ma ha fatto sentire la sua presenza fisica agli azzurri. Sfruttando la sua imponenza ha divorato i membri del reparto offensivo di Maurizio Sarri, risultando un ostacolo impossibile da superare. Ha lottato, tenuto duro e si è imposto sempre senza commettere alcun tipo di irregolarità, con una partita di solidità ed esperienza che solo un giocatore come lui potevano permettersi. In uno scontro importante nel quale anche i più forti avrebbero potuto perdersi, soprattutto dopo il vantaggio nel finale, lui è stato in grado di non abbassare mai la guardia. Facendo a sportellate con i propri avversari, il difensore bianconero stasera ha dimostrato perché la difesa juventina è la migliore del campionato.

E, soprattutto, ha dimostrato cosa significhi avere in squadra un campione infaticabile: un macigno, un colosso, un muro. Semplicemente, Andrea Barzagli.