Marchisio a SoFoot: “Dybala talento puro, Pogba è ancora un ragazzo. Buffon? Da Pallone d’Oro…”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Step by step. Un po’ come la gioca lui, lì in mezzo: un passo alla volta, che di giropalla ragionato non si è mai lamentato nessuno. Certo, ci ha messo un po’: riadattarsi a regista, abbandonando il brivido della mezzala, non è stato facile. Però n’è uscito: a testa alta, da campione. Da leader vero.

“Ma l’inizio ha destabilizzato tutti, i vecchi come i nuovi”, fa sapere Claudio Marchisio, in un’intervista esclusiva rilasciata al mensile SoFoot. Lui meno di tanti: perché da quando è tornato con continuità, la Juve ha cambiato volto.

Merito suo, dunque. Ma anche di un certo Paulo Dybala: “Sapevo che era un talento puro – spiega Claudio– ma in un momento difficile come quello di inizio stagione, temevo potesse perdersi. Invece è un argentino atipico, molto europeo nel modo di allenarsi e si è subito adattato”. Più precoce di tanti, pure di Pogba. “Si è capito subito che era un fenomeno – continua il centrocampista -, ma non dimentichiamo che è un ragazzino, con un margine di progressione enorme. E per struttura fisica e la tecnica fine mi ricorda Ibrahimovic. Spero resti a lungo, anche perché qui può crescere ancora”. 

In alternativa, il francese ha sempre Barça o Real, Messi o Ronaldo. Roba da Pallone d’Oro, che secondo Marchisio avrebbe meritato anche Gigi Buffon: “Voglio vedere dove saranno loro alla sua età”, provoca il Principino. Che subito aggiunge: “Era da podio, non solo per la carriera, ma anche perché è ancora il migliore tra i pali”. Giusto chiarirlo, una volta per tutte. E la prossima fermata? L’Europeo: per dimostrare di essere sempre tra i più grandi. “Ma rimaniamo un’incognita – fa sapere l’otto bianconero -, anche se bisogna ammettere che abbiamo pochi campioni o talenti puri. È una questione di cicli. E poi Conte è l’uomo della situazione per una squadra povera in talento ma che riesce a sublimare tecnicamente e mentalmente. Non ci accontenteremo dei quarti o delle semifinali”. Del resto, vincere non è importante…

 

Siamo su Google News: tutte le news sulla Juventus CLICCA QUI