Chievo-Juve, alla nebbia ci pensa Pogba

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

Questa mattina la nebbia avvolgeva Verona, il Bentegodi si trovava immerso in una nuvola bianca, le voci si rincorrevano, la partita stessa era a rischio. Tutto ad un tratto la vista è divenuta chiara, chi si è trovato sugli spalti ha potuto godere di una panoramica mozzafiato: si è accesa la luce di Pogba. Il francese come un raggio di sole ha attraversato le nubi e a spallate le ha spazzate via.

IL PRIMO TEMPO – Contro i clivensi Paul gioca una delle migliori partite della sua formidabile stagione, Paul gioca bene, anzi di più gioca da Pogba, quello vero made in France. Brilla e giganteggia, fraseggia delicatamente con Dybala, rincorre, sovrasta gli avversari fisicamente, e poi ci prova, tira forte, molto forte, e ancora, a giro, si arrabbia, fino ad arrivare alla rete ed un assist. Nel primo tempo il francese è praticamente incontenibile, quando gli arriva la palla, lui accelera e lascia, quasi sempre, tutti dietro per poi mettersi a dialogare di fino con la Joya o con Morata. Se l’appoggio centrale manca, allora, si allarga a sinistra su Alex Sandro, pronto a scendere, o a destra, dove Lichtsteiner viene sempre servito in profondità. Se gli gira allora esagera e fa tutto solo, tenta la fortuna più volte: di violenza da lontanissimo, di controbalzo, d’effetto, di scavetto.

IL SECONDO POGBA – Le iniziative “troppo” personali, però, non piacciono ad Allegri e allora Paul deve cambiare registro. Il suo secondo tempo è da campione vero, alle giocate stratosferiche viene aggiunto l’ordine e l’equilibrio. L’incoscienza del francese unita al buon senso, preteso dal tecnico toscano, dà vita ad un mix esplosivo. Pogba arretra e s’inserisce, s’inserisce talmente bene da trovarsi in area avversaria con continuità. Arriva così l’assist per Alex Sandro, il francese stoppa a seguire e allarga, il brasiliano la mette dentro. Poco dopo finalmente è il turno di Paul: è gol (e che gol!). La rete è da applausi: controllo, dribbling e palla piazzata nell’angolino. Che dire, a Verona la nebbia c’era poi si è acceso Pogba.

Carlo Iacono (CarloIacono7)

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook