Juve-Roma, l’analisi della difesa: nessun problema per la BBC

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Undici. Un numero importantissimo per la Juventus, numero inciso sulla casacca di tante leggende bianconere: da Bettega a Boniek, passando passando per Laudrup e Ravanelli, finendo con Nedved. Undici, dicevamo: undici è anche il numero di vittorie consecutive di una Juventus che è tornata cannibale. Ieri sera allo Juventus Stadium i bianconeri hanno battuto la “banda Spalletti” per 1-0, compiendo una partita d’attacco e di ordine difensivo.

BBC – La BBC più famosa è sicuramente il network inglese. Poi arriva l’altra BBC, quella del Real Madrid, formata dal trio d’attacco stellare BaleBenzemaCristiano Ronaldo. Meno famosa a livello mondiale, ma sicuramente conosciuta in Italia e Europa, è la BBC della Juventus: BarzagliBonucciChiellini. Tre nomi che significano tutto per la difesa bianconera. Da 5 anni a questa parte sono i titolarissimi di un reparto che è stato il migliore d’Italia da 4 anni a questa parte e uno dei migliori d’Europa. Ieri sera la BBC è tornata in campo, dopo che per qualche partita ha dovuto fare a meno di Barzagli per infortunio, e i risultati sono stati subito ottimi: zero gol subiti e mai un pericolo per l’altro componente della difesa, l’ultimo baluardo della squadra, Gigi Buffon.

IL MURO E’ TORNATO – Andrea Barzagli, in questo 2016, non aveva ancora esordito per colpa di un infortunio muscolare. E’ tornato giusto in tempo per Juve-Roma, un big match sentitissimo da entrambe le squadre, e il suo ritorno si è fatto sentire. Sempre pulito negli interventi, sfrutta la sua esperienza e la sua forza per arginare ogni tentativo di attacco proveniente dalla fascia sinistra della Roma, presediata da Digne e, a sprazzi, da Salah. Con i suoi compagni gioca a memoria, e non disdegna qualche sortita offensiva, sempre in appoggio a Lichsteiner e, poi, Cuadrado. Il “muro” numero 16 è tornato e vuole essere protagonista dei successi bianconeri.

IL PIRLO DELLA DIFESA – Una cosa non si può togliere a Leonardo Bonucci: il lancio lungo. In ogni partita il numero 19 deve provare il lancio di 30/40 metri a scavalcare il centrocampo, e a volte diventa addirittura troppo ripetitivo nella giocata e snervante. Ieri sera, però, ha azzeccato praticamente tutto: dal lancio, alla gestione del pallone, Bonucci ha compiuto un’ottima prestazione. Si accorge subito che marcare Dzeko non è nelle sue corde, quindi lascia al suo compagno guerriero Chiellini il lavoro sporco per concentrarsi di più nella gestione della palla in fase difensiva. Pulito negli interventi, è anche aiutato dal fatto che l’attacco della Roma non sia molto ispirato.

CHIELLINI VINCE LA SFIDA TRA TITANI – Giorgio Chiellini ama le sfide maschie, e quella con Dzeko lo è stata: due giocatori che superano i 190 cm e che fanno della fisicità il principale punto di forza. All’inizio è Bonucci a tenere l’attaccante bosniaco, ma solo dopo pochi minuti di gioco Chiellini decide di dare una mano al compagno e prende praticamente a uomo il numero 9 della Roma. Inizia quindi una sfida personale tra “titani”: ogni colpo di testa è un’incognita, anche se, per la verità, a vincere il duello è quasi sempre il numero 3 della Juve. Dzeko, allora, prova a cambiare posizione in campo, ma Chiellini decide di diventare la sua ombra e lo segue dappertutto, riuscendo sempre ad arginarlo. Non è un caso che il bosniaco sia stato ieri sera poco più di un fantasma e uno dei peggiori in campo…

La Juventus continua la sua striscia positiva, e con il ritorno della BBC, i tifosi bianconeri possono stare molto più tranquilli. Perché, alla fine, il miglior attacco è la difesa

Simone Calabrese