Tielemans: “Sono un ragazzo semplice, ho il mio equilibrio. Il futuro? Ho un sogno”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

“Non mi sento più maturo dei ragazzi della mia età. Sono me stesso e sto bene all’interno del gruppo”. Leggi queste parole e pensi ad un ragazzino del ’97: nessuna sorpresa, neanche mezza. Rileggi queste parole e ripensi a Youri Tielemans, centrocampista belga dell’Anderlecht: ecco, ora iniziano a fare effetto.

SQUADRA DEL CUORE – Il motivo è molto semplice: qui il talento sprizza da ogni poro. Tant’è che il portale goal.com non ha avuto alcun dubbio: è lui, il miglior under 18 al mondo. Lui, il prossimo fuoriclasse dal destino già segnato. “E infatti sono felice di ricevere questo premio e ringrazio i giornalisti che hanno votato per me – fa sapere – ma preferirei vincere trofei con l’Anderlecht”. Già, l’amore di una vita. La squadra che l’ha preso dalla culla e che verosimilmente lo consegnerà alla storia del calcio. “Gioco qui da quando ho 5 anni, è la mia squadra del cuore, sono di queste parti, sono sempre stato qui – ha quindi continuato Youri – I miei allenatori mi hanno insegnato tanto e il mio apprendimento non è ancora finito. L’Anderlecht è la miglior squadra possibile per i giovani. Qui colmano le tue lacune e ti rendono più forte. L’Anderlecht mi ha dato tutto. Mi ha aiutato a diventare il giocatore che sono oggi, ma devo ancora migliorare”. 

FUTURO – Anche per questo, alla solita domanda sul futuro, Tielemans non ha mai dubbi sulla risposta: “Voglio diventare campione con l’Anderlecht”, spiega. E magari farlo alla Zidane, il suo idolo. Perché in fondo, “a me piace avere il pallone e creare”. Però no, non dategli del predestinato. È che non vuole sentirsi “diverso”: “La scuola è stata importante. Anche se ero già un giocatore potevo stare con i miei amici e parlare di altre cose. Adesso ho trovato il mio equilibrio dopo tre anni, grazie alla mia famiglia, i miei amici e la mia ragazza”. Un equilibrio destinato inevitabilmente a spezzarsi: lo aspetta il meglio del calcio europeo. E lì, Youri, non avrà più scampo: dovrà diventare il migliore.