Analisi tattica - Juve operaia: ordine e velocità

Analisi tattica – Juve operaia: ordine e velocità

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on twitter
Share on linkedin

La Juventus raggiunge l’Inter in Semifinale di Coppa Italia, dopo aver battuto la Lazio con il risultato di 0-1. Stasera allo Stadio Olimpico di Roma è stata una bella partita, decisa al minuto 66 dall’ex laziale Stephan Lichsteiner (gol convalidato grazie alla “Gol Line Technology”) e che ha dato spunti tattici molto importanti.

ORDINE, ORDINE, ORDINE – La formazione bianconera ha lavorato in maniera perfetta in fase difensiva: sempre ordinata, pulita, non ha lasciato spazi alle incursioni esterne della Lazio, nonostante i biancocelesti abbiano proprio in quelle zone del campo i giocatori più estrosi e importanti. Ordine tattico, dicevamo: è questo il “diktat” impartito da mister Allegri ai suoi ragazzi. Il 3-5-2 che l’allenatore livornese ha disegnato stasera ha dato densità a centrocampo e copertura sugli esterni. Lichsteiner e Alex Sandro non hanno mai permesso ai vari Candreva, Keita, Lulic e Anderson le loro giocate preferite, ovvero quelle di puntare uno contro uno e saltare l’uomo in velocità. Il lavoro dei due esterni è stato anche facilitato dall’ottimo raddoppio, a turno, o dei centrocampisti o dei difensori. A centrocampo, il trio Marchisio-Sturaro-Pogba ha coperto ogni spazio, e in particolare Sturaro ha tagliato la fonte di gioco biancoceleste, Lucas Biglia.

VELOCITA’ E RIPARTENZE – Nonostante la Juve abbia avuto maggior possesso palla della Lazio, stasera la formazione bianconera ha giocato molto di più sulla velocità e le ripartenze che sul gioco ragionato. Gli stessi Lichsteiner e Alex Sandro sopra citati, hanno dato un gran contributo in fase offensiva, spingendo molto e arrivando spesso sul fondo. Morata e Zaza hanno puntato molto sulle loro doti atletiche, riuscendo spesso a saltare l’uomo. Un plauso particolare merita Simone Zaza, il quale su ogni pallone sembra dare la vita: sempre presente, se c’è un pallone prendibile lui ci prova, ha dato carattere e grinta all’attacco bianconero (caratteristiche che mancano un po’ a Morata per dire la verità). Non è un caso che il gol della vittoria sia arrivato su una ripartenza veloce: lancio lungo di Pogba, stop volante di Zaza, che si aggiusta il pallone e scarica un tiro a giro di mancino che si stampa sul palo, sulla respinta il calmissimo Lichsteiner batte l’ottimo Berisha (anche se per decretare il gol è servita la “Gol Line Technology”).

Ora la Juve è chiamata a sfidare l’Inter in Semifinale, dove darà vita ad un altro attesissimo “Derby d’Italia”.

Simone Calabrese

CONOSCI SPAZIOJ?

SpazioJ è parte integrante del Nuovevoci Network di cui fanno parte Rompipallone.it, SpazioNapoli.it, SpazioMilan.it e SpazioInter.it.

Con più di 4 milioni di follower sui social network il nostro progetto risulta uno dei più seguiti in Italia.

Le ultimissime

Seguici su Facebook

Preferenze privacy