Chiellini vs Bonucci: quando discutere è sintomo di unità di squadra

Chiellini vs Bonucci: quando discutere è sintomo di unità di squadra


La Juventus continua la sua personale striscia vincente allungando a nove i successi consecutivi. La squadra bianconera ha battuto la Sampdoria a Marassi con il risultato di 2-1, non senza soffrire. La formazione di Allegri, infatti, dopo essere andata in vantaggio di due gol, ha dovuto subire il tentativo di rimonta blucerchiato, culminato nel gol della speranza di Cassano.

IL FATTO – La Juve ha dimostrato di saper soffrire, portando a casa un risultato fondamentale, anche se i segni della tensione e della paura di poter perdere punti importanti si sono visti a fine partita: appena dopo il fischio finale Chiellini, invece che esultare con i compagni di squadra, è andato a rimproverare il compagno di reparto Bonucci, il quale è sembrato abbastanza stizzito dal richiamo del numero tre bianconero. Pomo della discordia è il fatto che Chiellini si è arrabbiato, a suo avviso, per la troppa sufficienza mostrata negli ultimi minuti di gioco da Bonucci, in particolare per un liscio sull’ultima punizione sampdoriana. A far da paciere ci ha pensato subito capitan Buffon, il quale ha abbracciato entrambi, ricordandogli che, grazie a questa vittoria, la Juve è tornata dove le spetta, ovvero ai vertici della classifica. Bonucci e Chiellini, seppur calmati da Buffon, hanno continuato ad esultare con i volti ancora tesi dalla tensione, ma poco dopo e dopo un breve chiarimento, sono andati a braccetto ad esultare sotto lo spicchio di tifosi bianconeri, festanti per la vittoria.

UNITA’ DI SQUADRA – Le malelingue si sono subito scatenate, sottolineando il fatto che la discussione Chiellini-Bonucci sia la prova di una certa tensione e dell’inizio di qualche crepa nello spogliatoio juventino. Certo, le immagini parlano da sole e, soprattutto, il fatto che la discussione sia stata tra due senatori, due amici, due “fratelli” di reparto, fa scalpore. A nostro avviso, però, il ragionamento da fare è esattamente il contrario: questo mini battibecco è proprio sintomo di unità di squadra, di unità d’intenti, di perfezionismo, di voglia di vincere sempre senza soffrire. Anzi, è proprio il fatto che Chiellini e Bonucci sono compagni di squadra da anni che ha permesso una certa confidenza tra i due difensori bianconeri; i due si sono scambiati i loro pareri (a muso duro, è vero, ma tutti sanno i caratteri forti e focosi di Chiellini e Bonucci) e da lì a cinque minuti era già tutto passato.

A MENTE FREDDA – Lo stesso Chiellini, nelle interviste post-partita, ha minimizzato l’episodio e ha chiarito che non c’è nessun problema con Bonucci. Le immagini, infatti, mostrano anche che i due “litiganti”, finita l’adrenalina post gara, sono andati insieme sotto la curva riservata ai tifosi bianconeri, molto più sereni e consci del gran risultato ottenuto.

GIRO DI BOA – Vincere aiuta a vincere, e non saranno certo queste ininfluenti mini-discussioni a fermare la Juve che adesso, come promesso da Max Allegri via Twitter, è pronta a girare il secondo tempo con spirito battagliero e con voglia di vincere il quinto scudetto consecutivo!

Simone Calabrese