Il diario dell'antijuventino - La top 5 del 2015

Il diario dell’antijuventino – La top 5 del 2015


Fine anno alle porte, pance piene dopo la tournèe di cibarie natalizie, spumante pronto per la mezzanotte del 31 e la testa che vola a tutte le emozioni degli ultimi 365 giorni. Noi, come sempre con il sorriso sulle labbra, riprendiamo in mano il timone del diario dell’antijuventino, riesumando le 5 perle dell’ultimo anno solare. Se siete bianconeri, ricordatelo agli amici, se siete nella categoria a cui la rubrica è dedicata, non arrabbiatevi: “il diario sta finendo e un anno se ne va”…

POSIZIONE N.5
NELLA STORIA
– “Purtroppo le cose non sono andate come speravo, e sono il primo a soffrirne. Le delusioni e le sconfitte nella vita vanno affrontate con la stessa dignità dei successi e delle vittorie. L’unica certezza è l’aver indossato con orgoglio e onore la maglia giallorossa. Ho sempre dato il 100%, senza risparmiarmi mai. Per questa maglia ho sofferto, pianto e gioito, bisogna avere il coraggio e l’umiltà nella vita per rialzarsi e continuare a credere in se stessi“. Diciamolo tranquillamente, anche i più pessimisti non si sarebbero aspettati un flop di questo calibro nel connubio Roma-Iturbe e, leggere ora queste parole dell’argentino, fa davvero specie. Anche la penna di Dagospia, Giancarlo Dotto, c’era cascato: di diritto nella top5. Ok, il post è del 2014, ma l’addio dell’ex Verona è freschissimo. Acquisto più importante della nuova proprietà americana, maglia di Conti, aspettative altissime. I 5 gol in 16 mesi però sono il passaporto dell’attaccante oramai quasi approdato al Bournemouth. Un disastro. Forse la prossima volta a Roma, prima di sfottere i rivali juventini per l’acquisto di un obiettivo comune, aspetteranno qualche mese in più…

ituAggiungiamo una delle tante perle sempre sul tema…

11054460_10205599730207138_4741577646891715191_n

POSIZIONE N.4
LA PEPITA DEL PIPITA – Lui l’aveva detto: resto per la festa scudetto. E infatti, il giorno della consegna della Coppa, Gonzalo Higuain era presente allo Juventus Stadium. Finalmente, in questo calcio che fa delle false promesse la sua bandiera, si trova un uomo di parola, che mantiene le promesse! Bravo Higua, anche il prossimo anno ti aspettiamo! Che personalità. Finalmente una profezia avverata. Nostradamus puoi andare in pensione.
P.S. Nessun problema per le premiazioni questa volta: al Napoli non spettava nulla, al contrario di quella volta in Supercoppa, dove le medaglie d’argento stanno ancora cercando i loro proprietari…

nap

POSIZIONE N.3
SCONCERTANTI SCONFITTE – Coppa Italia fra Juventus e Lazio. E, su quel palo di Djordjevic, siamo sicuri che il popolo antijuventino è letteralmente impazzito. L’illusione, poi il brusco ritorno alla realtà, prima del gol vittoria di Alessandro Matri. C’è chi ha smaltito la delusione in fretta, chi se l’è portata dietro anche il giorno dopo. Vincere un attimo dopo aver perso: solo la Juventus può!

FB_IMG_1432196388342

POSIZIONE N.2
SICUREZZE –
Forse la partita più discussa degli ultimi anni. Utile al popolo juventino per:
– godere
– godere ancora
– non smettere di godere
– rivedersi la storica intervista di Rudi Garcia.

Gli abbiamo voluto un sacco di bene e, per le nostre future vittorie, ci auguriamo che anche nel 2016 il matrimonio tra giallorossi e tecnico pieno di certezze possa continuare.

AND THE WINNER IS………………………… (premete play al video prima di scrollare giù…)

 

 

 

 

 

 

 

 

Pezzone-sulla-rubentus

il pezzone sulla RUBENTUUUUUUSSSSSS (musica trionfale all’apice).

Applausi a Leggo, riuscito ad andare in stampa così. L’apoteosi dell’antijuventinità, che non ha bisogno di ulteriori commenti. In attesa delle prossime news succulente di pallone del 2016, ovviamente. Che io leggo.

POSIZIONE “BONUS TRACK”
PREMIO “ROSICA CON LA GEOMETRIA” ALL’ACCOUNT @rossonerosemper !!!

rosso

ROSSONEROSEMPER(E COMUNQUER) – Il profilo twitter dell’appena citato “Rossonerosémper” ci ha regalato grandi gioie (ahimè, dal sottoscritto non più consultabile vista la scritta “@rossonerosemper ti ha bloccato”). Ecco una rassegna di frasi epiche rilasciate dal simpatico personaggio. Si sconsiglia la visione ad un pubblico debole di cuore.

  • – Riepilogo:
    -1-0 in fuorigioco con immagine manipolata
    -2-0 fallo su DL
    -Manata su Antonelli in area
    -Gomitata su Pazzini in area
  • “Ricordatevi che prima di tutto DOVRESTE essere MILANISTI”. Come a dire “Ehi, voi che state ammettendo la cazzata della linea storta, non fatelo!”. Perché per certi personaggi la realtà, la fisica, la geometria, la verità viene dopo un “tifo” a priori. Un qualcosa di malato che, come in questa circostanza, antecede pure la dignità ed il proprio intelletto.
  • “C’è da dire che la comunicazione è migliorata. Sul gol di Muntari chinammo la testa”.
  • “Per pareggiare calciopoli ed heysel c’è ancora margine. Stiano tranquilli, non li prende nessuno”. Lo squallore e la vigliaccheria fatta a persona. Mettere in mezzo persone morte è di una bassezza infima.
  • “Gli infortuni hanno pesato e non poco. Per i ruoli scoperti è come se a parti invertite la Juve avesse giocato senza Tevez, Pogba e Vidal”. Certo! Volete mettere se ci fossero stati El Shaarawy con il suo bell’1 sotto la voce gol fatti, o Montolivo, pronto a fornire assist agli avversari come alla Lazio in campionato e Coppa Italia?

P.S. non parlate di “punto di fuga”, qualcuno potrebbe svegliarsi…

Tweet-Milan-575x372

Tanti auguri a tutti!!!

Luca Feole (TWITTER: @feoleluca)

Le precedenti pagine del diario:

prima pagina: qui
seconda: qui
terza: qui
quarta: qui
quinta: qui
sesta: qui
settima: qui
ottava: qui
nona: qui
decima: qui
undicesima: qui
dodicesima (speciale TOP): qui
tredicesima: qui
quattordicesima: qui
quindicesima: qui
sedicesima: qui
diciassettesima: qui
diciottesima: qui
diciannovesima: qui
ventesima: qui
ventunesima (speciale NATALE): qui
ventiduesima: qui
ventitreesima: qui
ventiquattresima: qui
venticinquesima: qui
ventiseiesima: qui
ventisettesima: qui
ventottesima: qui
ventinovesima: qui
trentesima: qui
trentunesima: qui
trentaduesima: qui
trentatreesima: qui
trentaquattresima: qui

ULTIME NOTIZIE