Simone Zaza e l’addio: sia fatta la sua volontà

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

Chissà che dice il galateo alla voce “richiesta di cessione”. Probabilmente, il bon ton del pallone prevede assecondare la richiesta del giocatore e lasciarlo cortesemente partire. Magari pure senza rimpianti. Magari con tanto di rimorsi subito rintanati. Di sicuro, con tanto buon viso a cattivo, cattivissimo gioco.

No, la Juventus certi schemi li segue a suo modo. E davanti alla richiesta – anche un po’ montata “a caso” – di Zaza, ha risposto prendendo tempo. Vuoi perché un paio d’offerte, pure buone, ce l’ha; vuoi perché alla fine un giocatore scontento può sempre essere accontentato. In questo caso, nessun assegno: solo un po’ di sano minutaggio.

È infatti questo ciò che vuole Simone: giocare, segnare e gioire. Perché sa che solo così potrà raggiungere il gruppone azzurro già proiettato verso l’Europeo. Ecco: certi treni, nella vita, passano poche volte. Un posto fisso in Nazionale, probabilmente una volta sola. Da ciò è scaturita la sua “insofferenza” poco sofferente, che però ha partorito la richiesta tanto temuta a c.so Galileo Ferraris: andrà via, lo vuole fermamente. Del tipo: “Grazie anche dell’opportunità, ma volo a giocare”.

Chissà: forse anche qui c’entra in parte Antonio Conte. Tuttavia il ruolo del CT imponeva certi dettami, così come la risposta di Simone è coerente con i suoi desideri. Fosse stato un semplice anno di transizione, questa storia sarebbe finita di sicuro in un altro modo: magari prendendo tempo e distanze, oppure minuti e gol. In ogni caso, non con un addio così prematuro.

Allegri ci proverà comunque: l’ha sempre definito importante, vuole continuare a trasmettergli la sua immensa fiducia. Del resto, un bomber da un gol ogni 73 minuti è incredibilmente difficile da trovare ora sul mercato. Un ragazzo così professionale come Simone, è ancora più raro.
La Juve perde un uomo ed un gran giocatore. Ma sia fatta la sua volontà, sempre e comunque. Con tanto buon viso a cattivo, cattivissimo gioco. E via di plusvalenza, che la fretta è amica di assegni importanti. E gli assegni importanti sono di casa in Premier League: guarda il caso, prossima destinazione di Zaza…