Mandragora: “A giugno so già cosa fare, mi fa piacere l’interesse delle big. Lapadula? Ha qualcosa che va oltre il senso del gol”

Share on facebook
Share on whatsapp
Share on linkedin
Share on twitter

È il nome caldo del momento. Che di questi tempi, in pratica, diventa quasi un “riconoscimento”. Ecco, specialmente se poi hai 18 anni e giochi in un club di Serie B.

Eppure Rolando Mandragora la vive così, semplicemente. Con l’innocenza dei suoi anni e con un sogno ben preciso: arrivare dove il calcio sa regalare vittorie ed emozioni. In quest’intervista rilasciata al Secolo XIX, c’è tutta la leggerezza del predestinato. E tutta la voglia di puntare in altissimo. Qui, un estratto della chiacchierata con la testata genovese.

COL PESCARA – “La mia esperienza abruzzese è iniziata bene, ho trovato un ambiente molto positivo. Alla Serie A ci crediamo tanto, speriamo sia l’anno buono, sarebbe un sogno festeggiare la promozione all’Adriatico. In Oddo e Gasperini vedo la stessa voglia di vincere e migliorarsi sempre”.

CUORE GRIFONE – “Spero con tutto il cuore che il derby lo vinca il Genoa, lo merita la città, lo meritano i tifosi, i derby non si giocano, si vincono, sento spesso Izzo, Lamanna, ma anche Sturaro, Perin e Burdisso, ho un ottimo rapporto con tutti gli ex compagni”.

IL DOMANI – “Per ora sono concentrato al 100% su questa stagione, poi a giugno a meno di scossoni imprevisti dovrei tornare al Genoa, non posso negare che mi fa piacere essere acccostato alle big, ma cerco di non pensare al mercato e rimanere concentrato su cosa fare in campo”.

SU LAPADULA –  “Un ottimo attaccante, vede la porta come pochi, ma quello che mi sorprende di più è la voglia di lottare su ogni pallone”.