Juve a double face, ecco il segreto di Allegri

Juve a double face, ecco il segreto di Allegri


La Juventus sta risalendo la classifica in campionato, il successo contro il Milan dà tanta fiducia ma bisogna dare continuità ai risultati ecco perché la sfida contro il Palermo è altrettanto importante. Max Allegri ha dovuto fronteggiare diversi infortuni che, inevitabilmente, non gli hanno mai permesso di schierare la formazione ideale; in questo momento è impensabile giocare a rombo visto che Pereyra e Hernanes sono out, ecco perché torna in voga il vecchio 3-5-2 che ha dato tante soddisfazioni all’ambiente bianconero.

La difesa a 3 è un elemento di “contiana” memoria, che però Allegri utilizza con una discreta frequenza; questo modulo viene ancor più esaltato con la presenza di un terzino di grande spinta come Alex Sandro che, oltretutto, ha spiccate doti offensive. Di rado saranno schierati Cuadrado e il brasiliano, la squadra sarebbe troppo sbilanciata e significherebbe sacrificare troppo i terminali offensivi; nonostante tutto rimane un modulo più che affidabile, dopo circa 3 mesi dall’inizio della stagione sembra che la Juve ha trovato la coppia d’attacco giusta, Dybala-Mandzukic. Il centrocampo non si discute, se Marchisio, Pogba e Khedira sono arruolabili il problema non si pone.

L’altro modulo che Allegri spesso utilizza è il 4-3-3 con l’inserimento di Cuadrado e Morata nelle fasce; è lo schema ideale per esaltare le doti del colombiano che in velocità è un giocatore formidabile; giocando così la squadra guadagna in ampiezza e profondità di gioco visto che la punta centrale fa un gran lavoro di sponda e raccordo. La difesa rimane il punto di forza di questa squadra che ha in Barzagli la punta di diamante; il difensore toscano sta vivendo una seconda giovinezza e dall’altro dei suoi 34 anni suonati riesce a fare delle prestazioni più che convincenti.

Il segreto della rinascita Juve consiste nella capacità di sapersi adattare a varie situazioni, di aver una panchina lunga che permette al mister di svariare sia tecnicamente che tatticamente. Mancano diverse gare alla sosta natalizia, e i bianconeri proveranno a scalare più possibile la vetta per tornare nuovamente al posto dove compete, in testa al campionato di Serie A.

Antonio Capizzi

ULTIME NOTIZIE