ESCLUSIVA SJ - Foschi: "Ecco come la Juve ha superato le difficoltà. Sensi? È bravo, ma..."

ESCLUSIVA SJ – Foschi: “Ecco come la Juve ha superato le difficoltà. Sensi? È bravo, ma…”


Il suo Cesena, ieri sera, ha vinto e s’è guadagnato il quarto posto in classifica. Il talentino Sensi è stato di nuovo protagonista, servendo l’assist del definitivo uno a zero a Ragusa. Ma il direttore dell’area tecnica dei romagnoli, Rino Foschi, ai nostri microfoni, l’ha invitato a tenere i piedi ben saldi a terra. Questo e altri i temi dell’intervista che il direttore ha concesso a SpazioJ.

  • Mercoledì abbiamo probabilmente visto la migliore Juventus della stagione. I bianconeri, dopo un avvio difficile, sembrano sulla strada giusta. Quale può essere la chiave di volta nello scacchiere di Allegri?

“È stato un avvio difficile, perché si dice che in genere al quarto anno si perde la fame. La Juventus l’anno scorso ha vinto, ha fatto la finale di Champions League e Coppa Italia e, ora, ha cambiato, inserendo dei giovani. Dybala è Dybala, ma è un giovane che andava inserito poco a poco. A causa della partenza difficile, avendo partite su più fronti, non è stato facile far punti in classifica. Ha avuto delle difficoltà, che ha superato facendo dei risultati importanti. La Juventus non meritava dei risultati, anche come prestazione: hanno perso o pareggiato delle partite in cui meritava di più. In quel momento, ti chiami Juventus e, sicuramente, tutto è più complicato. Si comportava bene in Europa, ma in campionato aveva difficoltà; come quelle che potrebbe avere ora la Roma, che ha fatto qualche risultato che potrebbe ripercuotersi sul campionato”.

  • Domenica sera la Juventus affronterà il Palermo, che tipo di gara si aspetta? E soprattutto cosa si aspetta dal Palermo, anche alla luce del cambio in panchina che ha visto Ballardini prendere il posto di Iachini?

“Il Palermo ha cambiato Iachini, che poi non faceva neanche così male. La Juventus viene da risultati esaltanti in Europa, vorrà continuità in campionato. Sarà un impegno difficilissimo per i rosanero, ma penso vedremo un bella partita. Anche per la Juventus non sarà facile, diciamo che il risultato è in bilico”.

  • Un ragazzo che sta mettendo in mostra tutto il suo talento tra le fila del Cesena è Stefano Sensi, che sta confermando quanto di buono fatto vedere con il San Marino, al punto da attirare su di sé le attenzioni dei principali top club italiani. Cosa sente di dirci a riguardo?

“È un giovane molto interessante, che fino all’anno scorso era in Lega Pro. Siamo partiti col piede giusto. È un giocatore che ha prospettive importantissime, ma forse è chiacchierato troppo. Abbiamo la fortuna di essere davanti a un ragazzo con grande personalità, perché sapete che troppe voci potrebbero ripercuotersi in negativo sulle prestazioni. Non è che non lo sfiorano tutti questi articoli a suo favore, ma diciamo che lo toccano appena. Però è un giovane che deve dimostrare ancora. Ha l’attenzione di tanticlub, ma non è perché Stefano sia il più bravo; questi club guardano ai giovani più bravi della categoria. E lui è uno dei tanti giovani che ci sono in Serie B. Ha degli alti e bassi, dato che è il primo anno in B. Deve tenere i piedi a terra”.

  • Magnusson, giovane difensore della Juventus in prestito al Cesena, ha recentemente espresso il suo malcontento per il poco spazio concessogli. Si ipotizza, ora, che a gennaio possa cambiare squadra. Cosa vuole dirgli?

“Ma no, è stata una battuta. Siccome l’anno scorso ha fatto bene, quest’estate aveva due o tre squadre di Serie A, anche straniere, su di lui. Si è ritrovato poi a Cesena, senza aver fatto il ritiro e senza tutte le cose che fanno parte della preparazione per un buon avvio. Lui non aveva nelle gambe quello che avevano gli altri, quindi ha sbagliato qualche partita e s’è trovato in panchina. Ora sembra che si sia messo a posto, sia mentalmente che fisicamente. Avrà la possibilità di far vedere le sue qualità”.

  • Leggendo i dati pubblicati recentemente dall’osservatorio calcistico svizzero del CIES, che tiene in considerazione i prodotti dei settori giovanili delle squadre iscritte ai cinque principali campionati, bisogna scendere in undicesima posizione per trovare una squadra italiana, l’Inter, seguita al diciottesimo posto dall’Atalanta. Si tratta di numeri che fanno riflettere, dato che gli investimenti a esso dedicati sono completamente “detraibili” ai fini del Fair play finanziario…

“Noi in Italia investiamo nel settore giovanile, molto probabilmente c’è qualche altra carenza. L’Atalanta, la Juventus, il Milan sappiamo quanto spendono e quanto producono. In certe società, c’è carenza di strutture, in altre di maestri. Da un paio d’anni, probabilmente, non abbiamo il coraggio di lanciare i giovani. Non è che non si lavora più. Guardiamo alla Nazionale, che sta cercando di aprire un nuovo ciclo, guardate i giocatori che sono nel giro azzurro: forse non ci sono calciatori pronti e abbiamo un po’ fretta. È un momento un po’ difficile, vanno curati tanti aspetti molto importanti”.

  • Dopo la trattativa tra Berlusconi e Mr. Bee per il Milan, anche in Italia si è iniziato a parlare di Tpo. Queste società, tramite l’acquisto di parti del cartellino di diversi calciatori, aiutano le squadre a limitare l’esborso economico per i trasferimenti. Ma ci sono diverse contraddizioni nel loro operato; tuttavia, alcuni sono a favore del loro ingresso nel calcio. Come si schiera Rino Foschi?

“È difficile, è una domanda molto difficile. Non eravamo abituati a non essere proprietari del cartellini, come in Sudamerica. Il discorso del Milan poteva essere un bene per il calcio italiano, perché sarebbero stati proventi che venivano dall’estero. Il calcio italiano è sempre stato particolare, ma succede di vedere squadre con rose di trenta calciatori e un solo italiano. Ma non mi schiero da nessuna parte, non è una cosa che vedo molto bene: non so dove arriveremo”.

Intervista a cura di

Corrado Parlati (@Corrado_Parlati)

Felice Lanzaro (@FeliceLanzaro)

Chi Siamo

Spazio J è un giornale online in cui troverai sempre le ultimissime news sulla Juventus Football Club, foto, calciomercato, video, magazine, informazioni utili, prezzi dei biglietti e orari di mezzi di trasporto per lo Juventus Stadium.

Nuovevoci

Appendice sportiva della testata giornalistica "Nuovevoci" - Aut. Tribunale di Torre Annunziata n. 3 del 10/02/2011

Direttore responsabile: Pasquale Giacometti

Iscrizione al Registro degli Operatori per la Comunicazione n. 22640, autorizzazione della Lega Serie A all’esercizio della cronaca audio/video.

Testata non ufficiale, non autorizzata o connessa a Juventus Football Club S.p.A. o I marchi JUVENTUS, JUVE e Juventus.com sono di esclusiva proprietà di Juventus Football Club S.p.A., il cui sito ufficiale è www.juventus.com

Contatti: ufficiostampa@nuovevoci.it

Copyright © 2015 Cierre Media Srl