Tim Cup Primavera, la Juve va con il solito Clemenza. Samp sconfitta 2-1

Tim Cup Primavera, la Juve va con il solito Clemenza. Samp sconfitta 2-1


Ci pensa sempre Luca Clemenza. Il fantasista bianconero regala un’altra soddisfazione a Fabio Grosso e permette alla Juve di strappare il pass per il prossimo turno di Tim Cup, dove troverà ad attenderla lo Spezia. I bianconeri, sotto la pioggia di Vinovo, sconfiggono 2-1 la Sampdoria con un gol per tempo. Sul finire della prima frazione va in rete Blanco Moreno, mentre nella ripresa è il turno del succitato Clemenza. In mezzo il pareggio doriano, con il neoentrato Bacigalupo. Per la squadra di Grosso è la terza vittoria consecutiva con modalità che ricordano molto da vicino la partita di Youth League contro il Borussia Monchengladbach. Ora testa alla prossima gara di campionato, nuovamente contro la Sampdoria, stavolta in Liguria.

DOMINIO TOTALE – Grosso schiera i titolarissimi, confermando il 4-3-1-2 che senza Lirola non si era più visto. Lo spagnolo è presente a destra, con Zappa dall’altra parte e Romagna e Blanco Moreno centrali. Tra i pali Del Favero, visto che Audero è impegnato con la prima squadra. A centrocampo ci sono Vitale, Muratore e Macek, imprescindibile dopo la sontuosa prova di sabato. In avanti torna Favilli affiancato da Pozzebon, che nonostante la grande prova contro il Carpi non conosce riposo. Dietro loro due, l’immancabile Clemenza. Il primo tempo è un monologo bianconero. I padroni di casa dominano in lungo e in largo, non rischiano nulla, si rendono pericolosissimi soprattutto con grandi conclusioni dalla distanza, colpiscono una traversa con Clemenza e poi, al 42′, passano in vantaggio, con Blanco Moreno, bravo a raccogliere e spedire in rete un traversone basso di Muratore.

CI PENSA LUCA – L’1-0 con cui si va a riposo è strettissimo ai bianconeri, che, come contro il Borussia (da qui l’analogia suddetta), forse si cullano un po’ troppo e tornano in campo con meno cattiveria. La Sampdoria prende coraggio, ma non fa paura, e quando al 68′ l’ex Varga si becca il secondo giallo la partita sembra mettersi totalmente in discesa. E invece arriva la beffa, firmata dal neoentrato Bacigalupo, che sorprende tutti e in allungo batte Del Favero alla prima occasione. Il pareggio fa entrare a Vinovo parecchi fantasmi e la doccia gelata bagna la Juve molto più della pioggia che non smette di cadere. Nel momento in cui traballano le certezze, però, alza la testa Clemenza, che di questa squadra è la certezza per eccellenza. Cinque minuti dopo il pareggio doriano, porta a spasso la difesa doriana con un dribbling e poi con un tocco velenoso batte il portiere avversario. Gol vittoria e paure accompagnate all’uscita. La Samp non ha le forze per reagire, anche se spaventa su un calcio d’angolo una Juve un po’ distratta, ma niente che possa compromettere il successo. La caccia alla Coppa Italia continua.

Edoardo Siddi