Montolivo-Juve, c’è fermento: la situazione

Montolivo-Juve, c’è fermento: la situazione


Era un’idea, ora è qualcosa in più. Riccardo Montolivo e la Juve si piacciono, si studiano. E da un po’ si trattano pure. Nel senso che il capitano del Milan può diventare una pedina importante dello scacchiere di Allegri, che pare l’abbia chiesto espressamente a Marotta: serve un centrocampista, serve subito.

L’OFFERTA – Correre ai ripari, dunque: Roma l’ha palesato in modo atroce. E allora i contatti viaggiano in direzione ostinata, ma giusta. L’idea è quella del prestito: secco, senza riscatto. Sarebbe una formalità, insomma. Galliani ci pensa: avrebbe voluto monetizzare, però alleggerirsi di uno stipendio importante come quello di Montolivo potrebbe già bastare. Al centrocampista, ecco un triennale: è che lui ha già deciso.

DOMANI – Tocca al Milan, ora. E tocca a Miha prima e Berlusconi poi: il capitano che finisce alla Juventus non sarebbe una storia di cui andarne fieri. Infatti la tentazione è forte, sì: però resta tale. Solo che il tempo va veloce e domani sarà una giornata delirante. Marotta lo sa: stanotte può essere fondamentale. Perché Montolivo è ormai nei pensieri di Allegri, da vertice basso e uomo spogliatoio. Perché lo stesso Riccardo è in cerca di riscatto. E di questi tempi, a Torino, sanno cosa vuol dire.

Cristiano Corbo