Scudetto Inter, Juve colpevole: accusata la squadra di Allegri

Inter Juve, una sfida senza fine. Per i nerazzurri priorità massima al Campionato. Ha influito la formazione bianconera?

I nerazzurri hanno raggiunto il loro massimo obiettivo a cinque giornate dalla fine del campionato, diventando Campioni d’Italia per la ventesima volta alla 33° giornata, contro i cugini rivali di sempre.

Per l’Inter di Simone Inzaghi il percorso in Serie A è stato abbastanza lineare: con 2 sconfitte (entrambe contro il Sassuolo), 5 pareggi e 28 vittorie l’Inter sin da subito ha dato un forte segnale alle rivali, mantenendosi a debita distanza dalla seconda.

Un distacco notevole soprattutto nel girone di ritorno: attualmente l’Inter si trova a +19 punti di distacco dalla seconda in classifica, il Milan (che giocherà domani contro il Genoa), e a +24 dalla terza, nonché la Juventus (che giocherà domani contro la Roma).

Questa differenza, tuttavia, non era così netta fino a inizio 2024 quando, a ridosso della partita di ritorno proprio contro i nerazzurri, la Juve era a solo un punto di distacco. Alla fine, quello del 4 febbraio 2024 a San Siro, si è rivelato uno scontro diretto cruciale per il prosieguo della competizione.

Notiamo, però, che nella prima parte di stagione è sembrato che la lotta al campionato fosse proprio tra queste due squadre, Inter e Juventus, le rivali di sempre. Un derby d’Italia all’insegna di uno scudetto da conquistare.

Condò: “La Juventus ha convinto l’Inter”

Paolo Condò, giornalista e opinionista sportivo, nel prepartita di Sassuolo Inter ai microfoni di Sky Sport, ha detto la sua riguardo il percorso della squadra di Inzaghi e quanto, secondo lui, la Juventus abbia inciso sulla conquista della seconda stella.

Paolo Condò: scudetto Inter, Juve colpevole
L’opinionista Paolo Condò accusa la squadra di Allegri (La Presse) – spazioj.it

“La Juventus, con quel girone d’andata, ha convinto l’Inter che sarebbe stato un campionato lottato punto a punto”, esordisce il giornalista, alludendo a quanto la Juventus di Allegri abbia fatto bene nella prima parte di stagione.

“E l’Inter ad un certo punto ha scelto palesemente il campionato rispetto alla Champions”, continua Condò. Parole che hanno suscitato riflessioni sulla strategia adottata dall’Inter e sulla chiara volontà di fare meglio in Campionato, a tutti i costi, seppur a discapito della Champions League.

Un esempio lampante di ciò, prosegue Condò, si è potuto notare in occasione delle partite contro Real Sociedad, in Champions, e Udinese, in campionato.

“Basti pensare alle partite, una dietra l’altra, con Udinese e Real Sociedad. – inizia il giornalista- Con l’Udinese giocano tutti i titolari, nella sfida decisiva per il primo posto in Champions partono fuori Lautaro, Barella e Bastoni“.

La Juventus, impegnata solo in Coppa Italia, avrebbe potuto rendere di più per tenere l’Inter col fiato sospeso fino all’ultima giornata di campionato. Per Paolo Condò, di certo, è stato anche un demerito dei bianconeri se l’Inter ha schiacciato le rivali in questa stagione.

Impostazioni privacy