Juventus, l’annuncio che spiazza il club: “Servono 40 milioni”

Le prossime mosse dei bianconeri, per la nuova stagione, potrebbero portare a notevoli investimenti da parte della proprietà

L’annata della Juventus si avvia lentamente al termine, il campionato può dirsi sostanzialmente concluso con i bianconeri di fatto certi di disputare la prossima Champions League e il prossimo Mondiale per Club, in programma per l’estate 2025.

A tenere banco, nelle ultime settimane, è l’attesa per la finale di Coppa Italia: dopo aver battuto la Lazio nel doppio confronto della semifinale i bianconeri sfideranno l’Atalanta nell’ultimo atto in programma, come di consueto, allo Stadio Olimpico di Roma il prossimo 15 maggio.
La conquista della Coppa Italia renderebbe Massimiliano Allegri il tecnico più vincente della competizione con cinque titoli, scavalcando Roberto Mancini e Sven-Goran Eriksson che rimarrebbero fermi a quattro.

La posizione di Allegri è già da mesi al centro dei dibattiti di addetti ai lavori e tifosi: il contratto del tecnico livornese è in scadenza al termine della prossima stagione ma sono molteplici le voci che fanno riferimento ad un possibile allontanamento dalla panchina bianconera già alla fine dell’annata attuale.

A fare il punto sulla situazione della panchina della Juventus è il giornalista Sandro Sabatini.

Sabatini:”40 milioni per il cambio allenatore”

Intervenuto a ”Radio Radio” l’ex addetto stampa dell’Inter e oggi volto dei programmi Mediaset ha descritto la situazione relativa al presunto avvicendamento tra Massimiliano Allegri e Thiago Motta, attuale tecnico del Bologna, sulla panchina della Juventus: ”A fine stagione Giuntoli presenterà la situazione a John Elkann, con il divorzio da Allegri che costerà 20 milioni e altrettanti ce ne vorranno per il contratto di Thiago Motta. ”

Juventus, per il cambio allenatore serviranno 40 milioni
L’ex centrocampista è il candidato numero uno per la panchina bianconera (lapresse) SpazioJ.it

Il giornalista si è quindi dimostrato abbastanza scettico in merito ad una trattativa, quella che dovrebbe portare Motta a Torino, a detta di molti già conclusa di fatto.

Giuntoli indubbiamente apprezza Motta e il suo lavoro ma a spingere per un eventuale conferma di Allegri potrebbe essere John Elkann, in nome di una situazione finanziaria dei bianconeri tutt’altro che rosea e che ha portato la Juventus, nella scorsa estate, a svolgere una campagna acquisti quasi a costo zero.

Sull’importanza di Elkann il giornalista ha affermato:”. Si parla tanto di un accordo con la Juve e io non so il vincolo che lo ha legato a Giuntoli, ma secondo me non fanno i conti con la reazione di Elkann perché poi deve andare a giustificarla una spesa del genere tra il divorzio da Allegri e l’arrivo di Motta. E Allegri, come tutti gli allenatori, giustamente non rinuncerà ai soldi perché ha ancora un anno di contratto con la Juventus

Impostazioni privacy