Juve, il futuro è delineato: rinnovo o partenza!

Le parole di Giovanni Albanese scuotono i tifosi della Juve, che ora sono pronti ad assistere a una rivoluzione: “o rinnova o sarà addio”

Il clima dalle parti di Torino sponda bianconera non è dei più distesi. I 6 punti conquistati nelle ultime 7 partite sono risultati troppo lontani dalla mentalità bianconera e dal dna della Vecchia Signora.

Il finale di stagione della squadra guidata da Massimiliano Allegri dovrà riportare la Juventus a giocare nell’Europa che conta, poi in estate sarà rivoluzione. Nel mirino della dirigenza, in particolar modo di Cristiano Giuntoli, Teun Koopmeiners, centrocampista in forza all’Atalanta protagonista di una doppietta proprio contro i bianconeri nel match di domenica.

Da capire poi, sarà anche la situazione di Adrien Rabiot. Il francese ex PSG già la scorsa estate aveva flirtato con altri top club europei e la stessa situazione potrebbe ripresentarsi a giugno. Infine, ultimo non per importanza, c’è la questione allenatore.

“Allegri? O rinnova o sarà addio a fine stagione”

Giovanni Albanese, giornalista della Gazzetta dello Sport parla così in un intervento su TvPlay, in merito alla situazione legata all’allenatore toscano. Il giornalista sottolinea come a fine stagione – così come anticipato in tempi non sospetti dallo stesso Giuntoli – ci sarà un incontro tra società e allenatore per la ricerca di una quadra e l’individuazione dei nuovi obiettivi sportivi.

Il futuro di Allegri alla Juventus è più incentro che mai. O rinnova o sarà addio.
Massimiliano Allegri durante Juventus-Atalanta 2-2 di domenica sera. (LAPRESSE) spazioj.it

“Allegri ha un contratto fino a giugno 2025 con la Juventus e sarà poco probabile che cominci la nuova stagione senza aver firmato un nuovo prolungamento”. Quindi, per quanto una permanenza di Max sulla panchina della Vecchia Signora non sia da escludere, l’incontro di fine stagione sarà fondamentale per capire se la linea che si intende seguire combacia o meno.

Da considerare, l’ombra di Antonio Conte, che osserva la situazione interessato. L’ex allenatore dell’Inter non ha mai nascosto di gradire un ritorno alla Juventus e in Serie A anche per motivazioni familiari.

Resta così tutta da scoprire l’evoluzione degli eventi nella Torino bianconera, nel frattempo la squadra si prepara per il ‘lunch match’ di domenica in cui ospiterà il Genoa di Alberto Gilardino, reduce dalla sconfitta interna col Monza. I bianconeri dovranno ritrovare i tre punti per la riconquista del secondo posto, scippato dai rossoneri nell’ultima giornata di campionato, ora che a Casa Milan si respira un’aria pesante ed i giocatori potrebbero risentirne anche a livello mentale.

L’accesso al Mondale per club 2025 ottenuto dopo la sconfitta del Napoli a Barcellona ha dato nuova verba ai giocatori che nonostante i risultati hanno messo in campo una crescita continua sotto il profilo del gioco.

 

Impostazioni privacy